La dieta mediterranea, un regime alimentare sempre d’attualità. A differenza della maggior parte delle diete, che seguono mode effimere e passeggere, oltre ad essere inefficaci e in alcuni casi nocivi, quella mediterranea è una dieta costantemente convalidata, per i suoi principi e benefici, anche dal mondo scientifico.

La dieta mediterranea può essere schematizzata in modo esemplificativo con una piramide alimentare nella quale ciascun componente ha il suo valore e collocazione: man mano che si sale troviamo, oltre all’elenco dei cibi utili alla nostra salute, anche la frequenza in cui essi vanno consumati.

Alla base della piramide si trova l’attività fisica, da svolgere con regolarità. È confermato che la vita sedentaria, insieme a una cattiva alimentazione, accrescono il rischio di patologie importanti quali obesità, aumento del colesterolo cattivo LDL, ipertensione, malattie cardiovascolari, diabete. Lo sport agisce diminuendo la pressione arteriosa e i valori dei trigliceridi nel sangue, incrementa il colesterolo buono (HDL) e aumenta la tollerabilità al glucosio. Ovviamente non è necessario diventare degli atleti agonisti. Ciò che conta per il nostro benessere fisico è la costanza: bastano 30 minuti al giorno di attività fisica leggera per ottenere buoni risultati nel breve e nel lungo periodo.

Al secondo posto, salendo nella piramide, ci sono i carboidrati: pane, pasta, riso, patate, polenta, farro, orzo, cereali ecc. Poiché una dieta equilibrata si basa sulle giuste proporzioni, si consiglia di mangiare ogni giorno un numero di razioni di questi alimenti che va da 6 a 11. A seguire troviamo frutta, verdura e legumi.

Frutta e verdura contengono al loro interno vitamine, sali minerali, fibre; non ingrassano dato il loro scarso apporto calorico e contribuiscono a introdurre nel nostro organismo la giusta quantità di liquidi. La frutta va consumata quotidianamente, secondo i nutrizionisti, così come la verdura, preferendo quelle di stagione, in queste dosi: 5 porzioni di verdura e massimo 3 di frutta.

L’olio extravergine d’oliva è un altro principio cardine della dieta mediterranea. Grazie all’elevato contenuto di acido oleico, difatti, difende il cuore e le arterie, rallenta l’invecchiamento delle cellule cerebrali, previene l’arteriosclerosi. Sia cotto che crudo è facilmente digeribile poiché possiede una percentuale di acidi grassi simili a quella del latte materno. Agli altri grassi va posta molta attenzione; soprattutto a quelli saturi come burro e formaggi.

Latte e latticini, pesce, carne bianca e uova sono le proteine presenti nella piramide, ma ci sono anche i dolci e la carne rossa. Va puntualizzato però che la piramide prevede un consumo quotidiano di carboidrati, frutta, legumi, verdura, olio, latte. Le proteine, invece, alternandole fra loro, sono consigliate una o tre volte a settimana. La carne rossa e i dolci vanno assunti con moderazione.

La varietà della dieta mediterranea consente che al nostro organismo siano sempre garantiti tutti gli apporti benefici di cui ha costantemente bisogno, per essere sano e in forma, specie se si diventa fedeli ai suoi dettami sin da piccoli. Una bella linea fa piacere a tutti, ma una buona salute è condizione necessaria per vivere bene e a lungo. In questo caso la formula della buona salute è 60%-25%-15%.