Fin dall’antichità, la gelosia è stata sempre un’emozione dominante all’interno di qualsiasi relazione sentimentale. La paura di perdere l’amore, magari a causa di un comportamento sbagliato o della presenza di possibili rivali, ha sempre colpito sia uomini che donne.

Le emozioni scaturite dalla gelosia sono spesso associate a reazioni come rabbia, tristezza, cattivo umore e paura. Tuttavia, è possibile sfruttare la gelosia a proprio vantaggio: interpretando questo forte sentimento nel modo giusto si può addirittura rendere la coppia più forte e migliorare il rapporto con il partner.

Galleria di immagini: litigi di coppia

Le origini della gelosia risalgono ai tempi dell’età della pietra e hanno sempre creato un forte legame tra uomo e donna: l’uomo era geloso della donna perché ne sentiva il possesso mentre la donna era gelosa del “partner preistorico” al fine di difendere i suoi figli dal resto della società primitiva.

Anche ai giorni nostri esistono motivazioni diverse per essere gelosi: per gli uomini si tratta soprattutto di una questione fisica e legata al sesso mentre le donne sono gelose del tradimento di tipo psicologico e sentimentale. In entrambi i casi, sono dunque i due aspetti legati all’amore che scatenano la gelosia in un uomo e in una donna.

A seconda del livello culturale, le persone vivono e reagiscono diversamente agli stimoli provenienti dalla gelosia: si parte dall’aver paura di un ipotetico rivale perfetto fino a temere il confronto con delle vere e proprie icone di bellezza e sensualità, come ad esempio modelle e attrici televisive. Qualsiasi sia il prezzo da pagare, le persone sono convinte che nella vita tutto sia rimpiazzabile e che non vale la pena riparare un rapporto ormai logorato dalla gelosia.

Le reazioni a determinati eventi, come gli sguardi lanciati a una ballerina in TV o a un bell’uomo per strada, sono indispensabili per determinare il livello di gelosia del partner e per valutare la propria resistenza. Inoltre, mettersi alla prova è fondamentale per capire se si è veramente gelosi del proprio compagno o la sensazione che si prova è solo relativa a un’ossessione personale che con la gelosia ha in comune solo i sintomi.

Secondo Ester Perel, del dipartimento di Psichiatria della New York University Medical Center, le persone si concentrano troppo sul proprio amore in modo egoistico anziché assicurarsi che la capacità di amare il partner sia abbastanza soddisfacente per tenere in piedi una relazione.

La gelosia è talvolta causata da una mancanza di interessi e impegni: bisogna quindi tenere la mente impegnata per evitare di pensare a come sarebbe la propria vita senza il proprio compagno accanto. Quando la propria vita non ruota solo attorno al partner si ha la possibilità di portare una boccata d’aria fresca anche all’interno di una relazione sentimentale.

Il sentimento della gelosia può essere alle volte una reazione di rifiuto della realtà, specie quando questa è poco gradita: ad esempio, si può essere gelosi quando ci si sente trascurati o trattati freddamente dal partner. La negatività si trasmette anche nella vita privata che è completamente slegata da quella del partner: tutto è causato per richiamare le attenzioni del proprio compagno.

Per rendere il rapporto di coppia robusto, un’ottima mossa è quella di confidare al partner i propri dubbi e perplessità sul rapporto e sulla gelosia. A seconda di come evolve la conversazione si può predire la strada che la coppia sta imboccando.

Se ad esempio il confronto è tenuto con toni molto accesi, magari a voce alta, la sua utilità è quasi nulla e l’unico risultato che si ottiene è colpevolizzare il partner scaricando su di lui tutte le colpe. Se invece il dialogo diventa quasi ostile, con bugie e falsità che vengono alla luce come i nodi al pettine, la relazione si sta dirigendo verso una crisi quasi certa. L’unico modo per chiarirsi tra fidanzati è la possibilità di dialogare, senza aggredire verbalmente l’altra persona.

La gelosia può inoltre essere l’effetto dovuto a un tradimento subito: in questo caso si manifesta con rabbia, delusione, perdita di stima, risentimento e confusione. Inoltre, la gelosia può diventare tossica in un rapporto quando si manifesta come un ossessivo controllo sulla vita del partner, spesso sfociando nel reato di stalking.

Tuttavia, non bisogna mai dimenticare che una sana gelosia può essere considerata quasi un complimento perché la riprova di un forte interessamento del partner nei propri confronti.