“Non c’è mento sotto la barba di Chuck Norris, c’è solo un altro pugno”. Questa è solo una delle frasi divertenti diffuse sull’attore protagonista della serie Walker Texas ranger. Norris ha fatto presto a entrare nell’immaginario collettivo, più di qualunque personaggio televisivo, e a lasciar creare agli altri un mito sopra di sé.

Da qualche anno, infatti, infuria su Internet un fenomeno denominato Chuck Norris facts, che consiste in alcune storielle, palesemente inventate per essere esagerate e divertenti, molte delle quali proprio ispirate alla serie TV, come gli aneddoti sul “calcio rotante”, specialità dell’attore esperto di arti marziali.

Chuck Norris ha in effetti molte caratteristiche in comune a quelle del suo personaggio, una grande virilità, una bravura smisurata nelle arti marziali e un grande senso della giustizia, particolari che lo rendono simpatico e popolare agli occhi di tutti. E simpatico lo è davvero, tanto da aver sempre accolto di buon grado tutte le storielle inventate su di lui.

“Walker Texas ranger” è un telefilm andato in onda per ben otto stagioni (in Italia viene replicato da anni su Rete 4 nel pre-serale per quanto riguarda la TV pubblica, conservando sempre ascolti niente male), che mescolava azione, arti marziali e buoni sentimenti. In ogni puntata Norris affrontava un problema e un cattivo, vincendolo a suon di pugni e, naturalmente, di calci rotanti. Una favola per adulti che piace a tutti. Perché il ranger Walker incarna la giustizia terrena e mostra al pubblico una realtà in cui i cattivi non la fanno mai franca e i buoni possono vivere felici e contenti.