FOOD: questo l’acronimo di Fighting Obesity through Offer and Demand, la nuova campagna presentata al Parlamento europeo per combattere l’obesità a favore di un’alimentazione più sana. Il progetto interesserà Belgio, Francia, Repubblica Ceca, Italia, Spagna e Svezia e ha come obiettivo quello di garantire un pasto bilanciato per tutti i lavoratori. L’idea è nata in seguito a una ricerca svolta nelle sei nazioni a cura di Edenred, società leader nel settore dei buoni pasto con il marchio di Ticket Restaurant, e si propone di far aderire più ristoranti possibili che si impegneranno a seguire alcune regole di base. Le stesse che ognuno di noi può seguire anche a casa.

Sì, perché sta tornando in auge l’abitudine di portarsi in ufficio il pranzo da casa, un po’ perché è economicamente conveniente e un po’ perché così si è più sicuri di quello che si sta mangiando. E allora si potrà scegliere se uscire a pranzo fuori, cercando quei locali che si adatteranno a seguire questo genere di alimentazione (gli elenchi sul sito di Ticket Restaurant) oppure adeguare la propria cucina al fine di rispettare una dieta buona e contemporaneamente salutare.

Galleria di immagini: Mangiare in ufficio

Quali le regole di base? Fare attenzione alle cotture, utilizzare materie prime fresche e di stagione e variare, variare e variare.

Adesso che si va incontro all’estate ecco un menu tipo che supera di poco le 600 Kcal. Partiamo con un primo di pasta con melanzane e ricotta: un piatto saporito ma dietetico e che si può preparare facilmente. A questo possiamo aggiungere un piatto di merluzzo con avocado: tanto gusto in meno di 200 Kcal. Ad accompagnare il secondo un buon contorno di verdure crude: verza, lattuga, carote, zucchine e fagioli.

Pensate già che tutto questo non vi basterà per affrontare le buie giornate invernali? Nessun problema. Sembra evidente che nei mesi freddi il corpo abbia bisogno di maggiori calorie ma ciò non vuole necessariamente dire mangiare cibi esageratamente grassi.

Si può iniziare con una calda minestra di orzo e piselli a cui far seguire un piatto di gulash di carne. Come contorno andrà bene un po’ di verdura ripassata con del pomodoro e per finire ci si può anche godere un buon dolce. Alternativa al classico tiramisù pieno di mascarpone, può essere quello con yogurt e frutti di bosco. A confermarcelo Chiara Manzi, ideatrice del progetto Cucina Wellness, che suggerisce di sostituire alla metà del mascarpone previsto, la chiara d’uovo montata a neve: con questo piccolo accorgimento si abbattono i grassi da 44 a 12 per porzione.

Restano tante le idee per un’alimentazione da ufficio sana. Un altro menu tipo potrebbe essere quello composto da un piatto di riso venere alla primavera con una manciata di peperoni, sedano, carote e fagiolini oppure un’insalata di seppioline con sedano, carote, arance e una citronette di olio di oliva e limone.

Gli amanti della pasta potranno alternare spaghetti con sugo di pomodoro e verdure a penne con ricotta, mela verde, latte e curry: tanto gusto, poche rinunce e un apporto calorico equilibrato per la salute e per tornare attenti e non appesantiti in ufficio. Un ultimo suggerimento? Rolls di pollo ripieno di zucchine lesse con cremolata di farina, limone e vino.

A suffragare questa nuova tendenza nei consumi alimentari c’è Marilena Colussi, esperta e curatrice del progetto Food Monitor secondo la quale portarsi il cibo da casa per la pausa pranzo:

diventa un momento di socializzazione con i colleghi, grazie anche alla diffusione negli uffici di forni a microonde, frigoriferi e stanze comuni.

E allora è interessante sbizzarrirsi provando ogni giorno una nuova ricetta seguendo alcuni piccoli ulteriori consigli: evitate bevande zuccherate, diminuite i condimenti e le salse troppo ricche e preferite insalatone o, per alternare, anche una buona pizza (una margherita contiene circa 450 Kcal).