Maggiore relax e più tempo libero significa anche uscire di più, mangiare più spesso fuori, fare più vita mondana: tutto questo può portare con sé una perdita della nostra “bussola” quotidiana in fatto di alimentazione e buone abitudini.

Ma d’altra parte le vacanze di Natale sarebbero tristi se non ci concedessimo qualche vizietto in più, e non cedessimo alla tentazione di un torrone, di una fetta di panettone o di pandoro e di qualche cioccolatino in più.

Come fare, allora, per non rinunciare troppo evitando però di ritrovarci dopo le feste con gli indesiderati chili di troppo?

Ecco qualche consiglio che dobbiamo tenere presente per non vanificare in 15-20 giorni tutti i risultati finora raggiunti.

Anzitutto, l’alimentazione: se vogliamo concederci qualche golosità in più nei giorni clou (la Vigilia, Natale, Santo Stefano, Capodanno)dobbiamo giocare d’anticipo. Quindi, prima delle grandi abbuffate evitiamo i dolci, così potremo gustarli senza troppi sensi di colpa quando sarà il momento, e preferiamo merende a base di frutta di stagione: le arance e i kiwi, ad esempio, ricchi di bioflavonoidi, oltre che le mele, il detto “una mela al giorno leva il medico di torno” è sempre valido in particolar modo in questa stagione fredda.

Prendiamo l’abitudine di tenere questi frutti sempre a portata di mano per fronteggiare gli attacchi di fame. Per evitare questi ultimi, poi, ricordate che la dieta mediterranea è sempre la migliore: meglio un piatto di pasta a pranzo, che sazia e fornisce energie, che mangiare poco e poi cedere perché non resistiamo.

Altro alimento da cui non dobbiamo assolutamente prescindere sono le verdure: non solo insalata, ma anche broccoli, cavolo, asparagi, bietola, sedano e spinaci, che oltre ad essere poveri di grassi hanno delle virtù purificanti, e dunque sono dei must anche nei giorni non festivi del periodo natalizio, per depurarci dalle cene luculliane.

E parlando di depurazione, non possiamo dimenticare le tisane: ormai non solo le erboristerie ma anche i supermercati ne sono forniti. Una buona abitudine è quella di prendere una tazza di tisana dopo cena, tutti i giorni, per evitare la ritenzione idrica e favorire un buon sonno.

E se proprio, travolte dall’atmosfera natalizia, non sappiamo rinunciare all’idea di “addolcire” i nostri pomeriggi, allora facciamoci furbe: approfittiamo del tempo libero per cucinare noi stesse dei dolci, utilizzando, però, il fruttosio al posto del normale zucchero. Non è il massimo della tradizione, ma la vostra silouetthe vi ringrazierà.

Se poi ci prendete gusto, su Internet ci sono diversi siti dedicati alla cucina dietetica.

Infine, non dimentichiamo che mangiare fuori vuol dire anche non potersi lavare i denti dopo ogni pasto e, per chi fuma, aumentare il numero quotidiano di sigarette: tutte cose che controbuiscono negativamente allo splendore candido del nostro sorriso: quindi, oltre a ricordare di lavare sempre i denti quando siamo in casa, e di utilizzare collutorio e filo interdentale, forniamoci di chewing-gum allo xilitolo per quando siamo fuori casa, non c’è niente di più antiestetico dei denti ingialliti.