Non è facile organizzare in maniera intelligente la propria libreria di casa. Questo soprattutto perché man mano che acquistiamo libri nuovi ci limitiamo a metterli negli spazi rimasti vuoti, magari quelli più alla portata di mano dato che dobbiamo ancora leggerli. Il risultato: li troviamo messi alla rinfusa, senza alcun tipo di criterio. Quando, poi, lo spazio inizia a mancare, iniziamo a trovare le soluzioni più fantasiose, destinate prima o poi a crollare letteralmente?

Se volete mettere fine a questo caos e mettere finalmente ordine nella libreria di casa, ecco qualche suggerimento da seguire.

  • Prendete le misure. Per prima cosa dovete avere la piena consapevolezza dello spazio che avete a disposizione da riempire, quindi prendete le misure della vostra libreria, non tralasciando naturalmente la cosa più importante ovvero gli scaffali. Se alcuni volumi sono troppo grandi dovreste, per esempio, metterli all’ultimo ripiano, quello che dà verso il soffitto, mentre se sono troppo piccoli forse è il caso che spostiate i ripiani (facendovi magari aiutare dall’uomo di casa, oppure da un falegname). Evitate sempre che si veda parte del muro tra un piano e l’altro.
  • La doppia fila. Se in casa siete dei lettori d.o.c. è inevitabile che abbiate un numero spropositato di libri e non è detto che lo spazio a disposizione sia sufficiente. Quindi prendete in considerazione la possibilità di metterli su una doppia fila, sempre che lo scaffale sia abbastanza ampio e resistente.
  • Libri in orizzontale. Un altro modo per guadagnare spazio sarebbe quello di mettere i libri in orizzontale anziché in verticale. Certo, non ha lo stesso impatto a livello estetico e così sono più difficili da sfilare, ma è comunque una soluzione pratica.
  • Scegliere un criterio di disposizione. Sappiamo che molti di voi hanno i libri messi alla rinfusa, però così non vi sarà facile andare poi a ritrovare il titolo preferito, senza parlare dell’impatto visivo. Le soluzioni sono due: nel primo caso, seguendo il senso pratico, potete dividerli in base al genere o all’autore; nel secondo, con un approccio più estetico, potete dividerli in base al colore.
  • Pensare a un piccolo schedario. Capita, ad un certo punto, di non ricordarsi nemmeno più tutti i libri che si hanno. In questo caso potreste farvi un piccolo schedario con i vari titoli: sarebbe davvero utile e pratico.