La pizza è uno di quei piatti più gustosi della {#cucina italiana} a cui una stragrande maggioranza di noi non sa dire di no. È una vera tentazione, perché buonissima, ma può essere pericolosa per la nostra linea perché se non inseriti i giusti condimenti può fare ingrassare.

Quanti di noi infatti dopo aver mangiato una pizza a piacimento si svegliano la mattina dopo con un chilogrammo in più? Questo accade perché sono stati scelti ingredienti non adatti e molto calorici. Ecco pertanto qualche consiglio efficace per preparare e gustare al meglio una pizza che non faccia ingrassare, senza rinunciare al sapore.

Innanzitutto è preferibile preparare la pizza in casa, perché in tal modo avrete meglio sott’occhio gli ingredienti che andrete a inserire nella pizza. È ottima se preparata con pasta integrale e tante proteine sopra, con ingredienti di qualità, in modo tale che si assorbano meno zuccheri e meno grassi durante il pasto. Evitiamo assolutamente la farina bianca poiché è privata delle fibre, ed è proprio quella che utilizzano in pizzeria, e privilegiamo appunto quella integrale (200 grammi).

Per l’impasto, utilizziamo poi 1 cucchiaio di olio d’oliva extravergine, mezzo cucchiaino di sale marino integrale, pasta acida per lievitare e acqua; l’impasto deve risultare liscio e compatto. Successivamente va lasciato riposare per un’ora e poi riporre la pizza in una base, che può essere una teglia, condirla con pomodoro, mozzarella – senza esagerare – e magari verdure grigliate per renderla ancora più gustosa.

Quando la prepariamo, bisogna sapere che per ottenere una pizza di qualità, le materie prime utilizzate devono essere sempre fresche o ben conservate. L’acqua utilizzata per l’impasto deve essere potabile, il sale solo di tipo marino, che aiuta a ottenere una lievitazione più lunga. Non macinare la mozzarella nel tritacarne poiché cambierebbe sapore e non sarebbe poi filante al momento della cottura.

Evitiamo di mettere troppa mozzarella, olio aggiuntivo, strutto oppure altri ingredienti ingrassanti o con troppi grassi, come ad esempio wurstel, salame piccante, prosciutto crudo e altri {#alimenti} di tale genere. Sulla base dei dati consigliati, ovvero quelli che indicano come una pizza di tale tipo fornisca 271 kcal e apporti 52 grammi di carboidrati, 5,6 grammi di grassi e 5,6 grammi di proteine, la pizza è un vero e proprio pasto completo e comunque adeguato ai fabbisogni nutrizionali.

In un forno casalingo la temperatura di cottura sarà mediamente di 250 gradi per un tempo che varia tra i 12-15 minuti. Bisogna prima riscaldarlo mettendo al massimo della temperatura, poi cuocere per circa 8 minuti solo la pasta con sopra il pomodoro e successivamente ritirare la teglia dal forno, inserire sopra la pasta i condimenti desiderati e rimettere la teglia in forno per ultimare la cottura.