L’alcantara è uno dei tessuti più utilizzati per i rivestimenti di divani, poltrone e i sedili dell’auto. È un materiale composito creato proprio dalla ditta produttrice omonima combinando processi di filatura tessili e chimici caratterizzata da una particolare morbidezza ma soprattutto da una grande resistenza.

Se il tessuto è utilizzato per i divani, capita che nella vita di tutti i giorni questo si possa sporcare e per questo motivo dovrà essere prontamente smacchiato. Per questo motivo ecco cinque modi per pulire l’alcantara.

Alcantara: pulirla in lavatrice

Specialmente nel caso in cui i cuscini del divano risultino sfoderabili, seguendo le istruzioni sulle targhette, si può capire se il tessuto può essere lavato o meno in lavatrice. In genere l’alcantara va lavata a temperature basse (30 gradi), senza centrifuga e con un detersivo delicato. Questo procedimento permetterà di eliminare lo sporco più in profondità. Una volta uscito dalla lavatrice, il tessuto andrà lasciato asciugare all’aria aperta e in alcun caso durante il lavaggio andranno aggiunte candeggina o detergenti che comunque svolgono un’azione sbiancante.

Alcantara: pulirla con un panno umido

Se il tessuto non può essere lavato in lavatrice, specie se non è sfoderabile, allora bisognerà munirsi di un panno, immergendolo in acqua tiepida e strizzandolo bene prima di andare a pulire la superficie del proprio divano. Questo rimedio risulterà efficace specialmente per le macchie fresche, andando a strofinarle dall’esterno verso l’interno, onde evitare che questa peggiori allargandosi ulteriormente.

Alcantara: succo di limone per le macchie ostinate

Capita altrettanto spesso che, sbadatamente, si vada a macchiare il proprio divano con dei cibi che difficilmente si riesce a lavare via, come il cioccolato o del pomodoro. Con l’alcantara basterà munirsi sempre di uno straccio inumidito e ben strizzato tingerlo in del succo di limone per trattare la zona interessata, sempre svolgendo un movimento dall’esterno all’interno, in modo che questa non si allarghi. Un’alternativa, nel caso in cui il limone non risultasse efficace, arriva dall’alcol etilico a 90°. Da evitare invece dei detergenti troppo aggressivi in quanto potrebbero andare a rovinare il tessuto.

Alcantara: pulirla con l’aspirapolvere

Per quanto riguarda lo sporco superficiale come polvere e briciole di cibo può andare bene passare l’aspirapolvere. Ovviamente per farlo bisognerà utilizzare l’apposito beccuccio, senza spazzole, passandolo su tutta la superficie del divano.

Alcantara: lavaggio a secco

Una volta l’anno, magari durante le pulizie di primavera, si può optare per la pulizia a secco. Questa, in particolare, risulta efficace soprattutto nel caso in cui siano rimaste alcune macchie decisamente ostinate che non si sono tolte con un panno umido, neanche con del limone o alcol etilico.