Avere unghie sane e forti è desiderio di tutti. In molti lamentano il problema di unghie che si sfaldano, spezzano e che non crescono abbastanza. Spesso la causa di questo deriva da una carenza di vitamine e minerali ed il problema è facilmente risolvibile integrandoli nella vita di tutti i giorni.

Ecco allora, tra vitamine e minerali, le componenti che non possono mancare per unghie sane e forti e che si possono trovare a tavola o al limite negli integratori alimentari.

  • Vitamina B. È una delle vitamine fondamentali per il nostro corpo e la sua carenza può portare a problemi delle unghie. Esistono diversi complessi vitaminici comprendenti tutto il gruppo della vitamina B che possono essere un vero toccasana per le unghie fragili.
  • Vitamina A. È la vitamina della bellezza per tutto il corpo ed è molto usata in cosmetica.  Va ad agire sulla grana dell’unghia rendendola forte è resistente. Per assumere la giusta quantità di vitamina A basterà arricchire la propria abituale alimentazione di frutta e verdura come carote, patate e arance.
  • Vitamina C. È la vitamina numero uno per il sistema immunitario, per la pelle e per mantenere la giovinezza delle cellule. Anche le unghie beneficiano di questa vitamina. Un bicchiere di aranciata incrementerà la vostra dose di vitamina C quotidiana e vi aiuterà a tenere a bada l’invecchiamento.
  • Ferro. Una carenza di ferro nell’organismo può procurare fastidiosi problemi tra cui l’indebolimento delle unghie. Per valutare se il livello di ferro nel vostro sangue è adeguato vi basterà un’analisi del sangue. Nel caso in cui riscontraste dei livelli di ferro bassi il vostro medico vi indicherà il modo più opportuno per ristabilirli.
  • Calcio. Anche la mancanza di calcio può fare danni alle vostre unghie. Il calcio è fondamentale per  ossa, denti e unghie. Adeguare l’alimentazioni e le proprie abitudini per apportare maggior quantità di calcio all’organismo diventa, in questo caso, fondamentale. Il latte è sicuramente un validissimo alleato ma per avere una fonte di calcio immediatamente assimilabile non dovete farvi mancare un bicchiere di acqua del rubinetto. L’acqua del rubinetto, infatti, è fonte di calcio, a patto che sia calcarea e dura.