Molti genitori, specialmente all’inizio dell’anno scolastico e per i più piccoli che ancora non decidono tutto da soli, si domandano come scegliere lo sport per bambini. Ci sono, infatti, sport per tutte le età, per ogni tipo di personalità e ogni esigenza.

Un bambino timido, praticando uno sport di squadra, migliorerà anche la socializzazione; a un ragazzo pigro può fare bene uno sport individuale in quanto richiederebbe sforzi e così via. La scelta dello sport è un compito che deve derivare comunque dal dialogo tra genitori e figli, perché è necessario, prima di tutto, rispettare desideri e interessi dei bambini e non costringerli a fare qualcosa che non gli piace. In seconda battuta, i genitori devono valutare il tempo che i ragazzi hanno a disposizione per lo sport e anche l’impegno economico della famiglia per attrezzatura e lezioni. Ecco qualche consiglio su come scegliere lo sport più adatto per i bambini.

Sport per i bambini da tre a cinque anni di età

Tra i 3 e i 5 anni, i bambini non dovrebbero esercitarsi per più di tre o quattro ore alla settimana. Si consiglia di consultare anche il pediatra riguardo al tipo di sport, soprattutto se il bambino soffre di problemi respiratori o altri problemi fisici. A queste età, lo sport migliore per i bambini sarebbe il nuoto, grazie al quale si sperimentano la coordinazione, la forza, la disciplina e il rapporto tra sforzo e risultato.

Sport per bambini dai cinque ai sette anni di età

Arrivati ai 5 anni, i bambini possono sperimentare, anche grazie alla scuola, molti sport diversi in modo da poter poi liberamente scegliere il preferito. L’ideale sarebbe un’attività mista tra sport di gruppo (calcio, pallacanestro, pallavolo) e individuali (nuoto, ginnastica, judo).

Sport per bambini di otto e nove anni

A questa età i ragazzi devono decidere se sono disposti a sacrificarsi per uno sport competitivo, che richiede un maggiore coinvolgimento. Lo sport a livello agonistico, infatti, comporta un impegno maggiore anche nello studio e una disciplina nell’alimentazione e nell’amministrare il tempo libero.

Consigli

  • Tenete conto del fisico del bambino nella scelta dello sport: se è basso di costituzione meglio il calcio che la pallacanestro, se alto può avere successo con l’atletica o la pallacanestro.
  • Lo sport è un impegno, fate la vostra parte affinché vostro figlio lo rispetti con responsabilità, occupandosi anche appena possibile di attrezzi, abbigliamento e borsone.
  • Se il bambino è sedentario, iniziate con piccole dosi. Regalategli uno skateboard, una bicicletta o i pattini e spingetelo a uno stile di vita più attivo lontano dai videogames.
  • Considerate alcuni sport meno popolari ma che i ragazzi potrebbero adorare, come la scherma, il rugby (se robusti), lo sci.