La preparazione delle ricette a base di carne è solitamente quella più difficile e laboriosa, soprattutto quando si tratta di tagliare la carne per ottenere dei pezzi più piccoli adatti ad ogni tipo di ricetta.

Vediamo oggi come si fa a tagliare un pollo intero per ottenere dei pezzi utili per fare il pollo fritto o lo spezzatino di pollo con i peperoni.

Munitevi di un tagliere sufficientemente spazioso, di un coltello molto affilato e di un trinciapollo (forbici speciali che riescono a tagliare anche le ossa).

Appoggiate il pollo sul tagliere e iniziate tagliando il collo del pollo, arrivando all’attaccatura di questo sul dorso, e poi la parte della coda.

E questa è la parte più semplice. Il segreto per riuscire a tagliare il pollo senza rovinare la carne è quello di seguire le giunture degli arti: partite dalle ali e tiratele verso di voi. Incidendo la carne man mano che questa si allontana dal corpo arriverete a vedere dove l’ala si congiunge con il corpo e qui, con il trinciapollo, recidete i legamenti.

Procedete allo stesso modo anche per le cosce, che potranno poi essere ulteriormente suddivise. Ora, staccate il petto del pollo dalla cassa toracica seguendo la linea delle costole (anche questo, una volta eliminata la cartilagine centrale potrà essere ancora spezzato).