Secondo le linee guida dell’Accademia americana di pediatria, è necessario incominciare a togliere il pannolino al bambino quando questo avrà fra i 18 e i 24 mesi, anche se alcuni piccoli riescono a controllare gli sfinteri anche fra i 15 e i 18 mesi. Quello che è certo è che mamma e papà dovranno armarsi di tantissima pazienza: alcuni bambini impareranno in maniera rapida, per altri sarà necessario molto più tempo.

Controllare gli sfinteri, avvertire lo stimolo, saperlo comunicare ai genitori: sono questi i tre presupposti necessari all’abbandono del pannolino. Iniziate la conquista del vasino senza fretta, in un momento di tranquillità per il bambino che non deve avere ulteriori stress o preoccupazioni dovuti per esempio all’arrivo di un fratellino o di una sorellina, il trasloco o la separazione dei genitori.

Per abituare tuo figlio all’uso del vasino, cerca di regolarizzare la sua routine e di capire qual è il momento ideale per provare a metterlo seduto. Potrete provare a fargli usare il vasino se il pannolino è rimasto asciutto per diverse ore durante la giornata, se il piccolo evacua più o meno sempre alla stessa ora, dopo i pasti oppure se il piccolo sa nominare la pipì o la cacca e vi chiede, magari solo per gioco, di usare il vasino.

All’inizio potrete anche provare a mettere il vasino in una stanza che non sia il bagno; questa stanza, però, non deve essere una zona tabù: il bambino deve poter guardare i suoi familiari mentre sono in bagno e i bisogni fisiologici sono un argomento che va trattato con naturalezza.

Il momento ideale per togliere il pannolino e passare al vasino resta comunque l’estate che precede il primo anno di scuola materna perché la maggioranza delle strutture l’infanzia chiede che il bambino abbia già superato questa tappa fondamentale prima dell’inserimento.

Galleria di immagini: Bambini operati al Bambino Gesù

photo credit: lorello via photopin cc