La muffa è uno dei disturbi più grandi delle case italiane, soprattutto quelle vicine a fonte d’acqua o immerse in grandi spazi naturali ma come togliere la muffa?

Questo fungo si diffonde attraverso le spore negli ambienti e la presenza di muffa può indicare un difetto di origine strutturale o accidentale: una scarsa esposizione solare (spesso la muffa viene uccisa dalla luce diretta del sole), un’eccessiva umidità, per infiltrazioni di acqua o per condensa sui muri freddi, una insufficiente ventilazione o una scarsa manutenzione dei mobili (alcune muffe si cibano del legno, specie quelle che si depositano negli angoli dietro ai mobili).

Liberarsene non è così difficile, seppure in alcuni casi è utile l’intervento di un esperto che possa suggerire le tecniche migliori. È importante sapere che la muffa non è salutare per l’essere umano e stare in un ambiente pieno di muffa non fa bene; dunque, uno degli aspetti più importanti da tenere a mente è la prevenzione, il che significa che per risolvere il problema è fondamentale rimuovere l’umidità dalla casa, non solo monitorando il corretto funzionamento del riscaldamento, ma anche adottando una serie di piccoli accorgimenti.

Una soluzione è tinteggiare le pareti con vernici calde che impediscono la formazione delle spore; in bagno ed in cucina, è consigliata l’istallazione di una ventola, così da evitare che il vapore si depositi dopo che abbiamo cucinato o fatto una bella doccia calda.

Per rimuovere la muffa già sorta vi sono, nel mercato, delle sostanze molto comuni davvero efficaci per togliere la muffa dai muri. Altre soluzioni, a minore impatto economico e chimico, sono rimedi naturali in grado di sopprimere il fungo. Molto efficace è l’acqua ossigenata che però risulta utile per togliere la muffa dai muri solo se dotata di una gradazione di 40 volumi. Infine, il sale grosso: vi basterà posizionare un barattolo pieno di sale grosso nelle prossimità delle zone umide per evitare la formazione della muffa in quanto il sale ingabbia l’umidità.

Antimuffa fatto in casa

Ecco un semplice antimuffa che può essere fatto in casa per contrastare il logorio delle pareti. Ingredienti:

  • 1000 ml di acqua
  • 3 cucchiai di acqua ossigenata da 30/40 volumi
  • 3 cucchiai di bicarbonato di sodio
  • 3 cucchiai di sale fino

Preparazione per l’antimuffa

Prendere un contenitore e versate l’acqua insieme al bicarbonato e al sale fino nell’acqua e mischiate per bene. Versare il contenuto miscelato in un flacone abbastanza capiente. Aggiungere l’acqua ossigenata appunto nel flacone e agitate bene prima dell’uso. Spruzzare sulla parte da trattare e strofinare con un panno o con uno spazzolino con i guanti. Lasciare agire per 10 minuti poi risciacquare con acqua.