Questa notizia farà felici molte donne che la leggono: esiste la dieta perfetta per ognuna, e le informazioni preziose per scoprire quali indicazioni seguire sono tutte contenute nel nostro DNA.

Questa teoria, supportata da uno studio della Standford University, spiegherebbe anche il motivo per cui alcuni regimi alimentari funzionino su alcune donne, inducendo una perdita di peso, ma su altre no.

Christopher Gardner, che ha presentato il risultato dello studio in occasione dell’American Heart Association, sostiene che il successo di una dieta dipenda interamente dal corredo genetico del singolo.

Dopo diversi tentativi di diete sperimentali assegnate a 100 donne volontarie, si è scoperto che concentrare l’attenzione dello studio sul funzionamento dei geni che intervengono nel metabolismo, permette di identificare con precisione il modo in cui il corpo utilizza grassi e carboidrati; da qui, la possibilità di creare diete personalizzate e vincenti.

Avere una dieta compatibile al proprio DNA significa arrivare a perdere fino al triplo dei kg che si potrebbero perdere con una semplice dieta privativa, in modo sano e più semplice. In numeri? Una perdita media annuale di 6.5 cm di girovita, contro i classici 3 cm delle diete standard.