Se è vero che il meteo è una delle varianti più instabili delle giornate primaverili, è altrettanto vero che decidere come vestirsi a Pasqua può essere decisamente difficile.

Una mattinata iniziata con un un bel sole alto nel cielo si può rapidamente trasformare in un pomeriggio di piogge uggiose, sferzato da un vento freddo che può rivelare la scelta dell’abitino floreale senza collant un errore madornale.

Alla luce di questo, si può essere perfette anche il giorno di Pasqua? Indubbiamente. Ecco qualche consiglio da seguire per riuscire ad ovviare a diversi problemi in merito.

  • Pasqua si celebra di domenica e di giorno, solitamente si trascorre insieme alla famiglia e in compagnia delle persone care, con le quali si condivide normalmente un pranzo anche piuttosto ricco. Questo richiede un outfit raffinato e chic ma senza particolari eccessi. Quindi meglio evitare trasparenze esagerate, gonne troppo corte, lustrini e paillettes.
  • I colori più congeniali per vestirsi a Pasqua sono quelli pastello, rosa quarzo e azzurro serenity, nuance della primavera 2016, su tutti. Abbandonate le tonalità scure, legate alla stagione invernale, fantasie floreali e vestiti colorati salutano nel modo più adatto l’arrivo della nuova stagione e il risveglio della natura.
  • Sarebbe bene evitare gli indumenti troppo pesanti, eppure anche quelli eccessivamente leggeri sono da lasciare ancora nel guardaroba. La soluzione ideale? La famigerata vestizione a cipolla: se si decide di indossare un abito o una camicia a maniche corte è bene non dimenticare uno spolverino in tinta o un cardigan in cotone pesante, in caso cambino le condizioni atmosferiche.
  • Un abito è l’indumento più gettonato, ma è perfetto anche l’abbinamento gonna-camicetta o un pantalone. Un abitino dalla stampa floreale o dai colori pastello leggeri e sfumati o uno con qualche ruches renderà più vivace e frizzante l’outfit.
  • Una gonna al ginocchio, proposta in qualche cromia o fantasia di impatto, ma non troppo eccessiva, può essere abbinata a una blusa in tinta unita o a una camicia bianca, un vero passepartout ideale anche per i look eleganti di Pasqua.
  • I collant non vanno ancora eliminati: un paio di calze ricamate copriranno donando allo stesso tempo un’aria primaverile. In ogni caso sono assolutamente da evitare il nero, il marrone e tutti i colori scuri.
  • Se il pranzo di Pasqua è a casa in compagnia della propria famiglia si può optare per un look più comodo e informale come un paio di jeans e una maglia a righe da marinaretta. Un golf di cotone giallo daranno un tocco chic e inaspettato all’outifit.
  • Le scarpe con il tacco sono d’obbligo e, se la temperatura lo permette, si può scegliere un paio di décolleté aperte. Le ballerine sono troppo rischiose nel caso in cui si metta improvvisamente a piovere.