L’era dello smartphone, si sa, sta coinvolgendo a tal punto le vite di ognuno che ogni singola e tradizionale azione quotidiana può essere compiuta attraverso di esso. Continua a dominare il campo l’iPhone di casa Apple e, con lui, tutte le centinaia di migliaia di applicazioni che è possibile scaricare per renderlo ancora più ricco, utile e indispensabile.

Esistono app che misurano la temperatura del corpo, quelle che organizzano la lista della spesa e, da oggi, quelle che segnalano i distributori di preservativi più vicini. Il valore aggiunto è costituito dal fatto che tutti quelli localizzati dall’applicazione grazie al GPS saranno distributori di condom totalmente gratis e inseriti in un unico grande database.

Galleria di immagini: Sesso sicuro

L’idea è, per ora, limitata agli abitanti di New York che in 3 anni hanno usufruito di ben 3 milioni di condom, ma ben presto potrebbe riguardare anche le nostre città. Dal Dipartimento della Sanità della Grande Mela, che ha lanciato la curiosa applicazione, arrivano le seguenti dichiarazioni:

“Vogliamo che New York sia la città più sicura al mondo per avere rapporti sessuali. Un sacco di persone vengono in città per questo motivo, quindi vogliamo che la gente possa praticare sesso sicuro.”

Queste le parole di Monica Sweeney, commissario del dipartimento, che ha spiegato anche come sia stato strategico far esordire il nuovo strumento proprio a San Valentino, il giorno degli innamorati. Il lato cosmopolita di New York, infatti, implica che ci siano inevitabilmente milioni di persone che adottano comportamenti sessuali differenti e, fra questi, anche il sesso non sicuro.

Incoraggiare le coppie a trovare i distributori gratis di preservativi presenti sul territorio newyorkese è un invito alla pratica del sesso sicuro e, dunque, alla prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili come l’AIDS. Come c’era da aspettarsi, però, molti genitori si sono mostrati contrariati visto che i loro figli adolescenti avrebbero avuto un motivo in più e una preoccupazione in meno per avere rapporti sessuali precoci.