Non doveva certo riempire San Siro, Mariano Apicella, eppure il suo esordio presso il pubblico milanese non è riuscito nemmeno a coprire i posti del teatro degli Arcimboldi in cui era previsto. Anzi, in prevendita è stato venduto un unico singolo biglietto e, conoscendo il suo più noto estimatore, possiamo anche immaginare chi fosse l’acquirente.

Tra le prevendite di TicketOne risulta infatti venduto un solo biglietto per la evidentemente poco attesa prima volta pubblica di Apicella nel capoluogo lombardo, prevista per il prossimo 10 marzo, e che è stata così annullata. La motivazione ufficiale per l’annullamento della data però è un’altra.

Galleria di immagini: Le donne di Silvio Berlusconi

Giuseppe Manzoni, il consigliere delegato dei Pomeriggi Musicali, attuale gestore del teatro degli Arcimboldi presso cui si sarebbe dovuto tenere il concerto, ha infatti dichiarato:

“Sono stato contattato dagli organizzatori che hanno sollevato qualche dubbio sull’opportunità del concerto, considerato il clima generale. Trattandosi di un affitto sala e non di uno spettacolo della nostra stagione, ne ho preso atto. (Apicella) non voleva mettere a repentaglio la sua figura di professionista esibendosi in questo momento.”

L’ex posteggiatore Apicella, lanciato come cantante dal presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, non si esibirebbe quindi più per paura di contestazioni in merito alla discussa vicenda Rubygate e ai bunga bunga party in cui lui era solito esibirsi. Dove invece non si esibirà sarà invece davanti al grande pubblico di Milano che evidentemente, a parte una sola persona, non era poi così ansioso di vederlo in concerto.