In questo periodo dell’anno c’è abbondanza di frutta e verdura che rimpiangeremo nel periodo invernale. Per questo potrebbe essere molto utile imparare a conservarla.

Uno dei prodotti che si riveleranno più utili durante le fredde giornate estive saranno i pomodori. Vediamo quindi come poterli conservare.

Il modo più tradizionale per la conservazione dei pomodori è la passata. Il procedimento è un po’ lungo ma non difficile e non c’è assolutamente paragone tra una passata fatta in casa e quella che si può comperare al supermercato.

Se potete, inoltre, comperate i pomodori dal contadino, in modo da avere un prodotto naturale e molto saporito. Se preferite i pomodori a pezzi si può utilizzare lo stesso metodo, avendo cura di strizzare bene i pomodori prima di metterli nei barattoli.

Un altro modo per conservare i pomodori è l’essicazione. Anche in questo caso il procedimento è molto semplice: procuratevi dei pomodori Sanmarzano (quelli lunghi) e, dopo averli lavati, tagliateli nel senso della lunghezza. Disponeteli su di una placca e cospargeteli con olio, sale e zucchero, poi metteteli in forno alla temperatura costante di 120° per circa 8 ore.

Quando i pomodori avranno perso tutta la loro acqua metteteli a raffreddare su una griglia. Una volta freddi si possono conservare sott’olio per circa un paio di mesi.