Cucinare con la pentola a pressione ha molti vantaggi, quali ad esempio risparmiare tempo visto che i cibi qui inseriti avranno tempi di cottura molto più rapidi, circa della metà rispetto alla cottura tradizionale. Ma non solo: questa è economica, richiede un minor consumo di gas o di energia elettrica, e può essere anche utilizzata per scongelare gli {#alimenti}, riscaldarli al vapore oppure per sterilizzare le conserve.

Il risultato di una {#cucina} di questo genere è l’ottenimento di cibi leggeri e tanto gustosi senza che necessitino particolari condimenti per insaporirli: basterà aggiungere un po’ di sale e di spezie, senza esagerare poiché non vengono dispersi durante la cottura.

Dunque la pentola a pressione permette di economizzare il tempo, nella società di oggi divenuto prezioso; va incontro alle esigenze di tutti e permette di preparare pietanze sane e saporite, conservando i nutrienti dei cibi.

Solitamente questa ha un corpo cilindrico, con sopra un coperchio a chiusura ermetica, ove sono presenti due o più valvole che servono a mantenere costante la pressione al suo interno. Il fondo della pentola è molto spesso, cosicché riesca a mantenere il calore in modo uniforme: ciò si traduce in una minore possibilità che gli alimenti si attacchino. La chiusura della pentola impedisce che fuoriesca il vapore che proviene dall’interno, e la temperatura giunge così anche a 120 gradi, diminuendo di conseguenza il tempo di cottura dei cibi.

Vi sono anche vari accessori con cui è possibile cucinare ogni tipo di pietanze, come ad esempio il cestello in rete metallica che fa sì che gli alimenti cuociano soltanto col vapore; la griglia che permette di cuocere carne o pesce tenendoli separati dal fondo e consentendo allo stesso tempo di ridurre fortemente i grassi di cottura; infine, lo scodello, che può essere utilizzato per cuocere sformati, creme, timballi, verdure e budini.

In molti temono che la pentola a pressione sia pericolosa, poiché si pensa che possa esplodere: è un pericolo infondato, tranne che non si pulisca la pentola in modo scorretto, ovvero utilizzando strumenti abrasivi.

A ogni modo, per utilizzarla bene, si deve evitare di riempire troppo la pentola di acqua, così che il cibo non ostruisca la valvola di sicurezza; bisogna calcolare il tempo di cottura delle ricette dal momento in cui si raggiunge la massima pressione, e in questo momento ridurre la fiamma.

In definitiva, la pentola a pressione è perfetta per ricette come bolliti, brodi vegetali o di carne, spezzatini, per cuocere pesci duri come il polpo, oppure per cuocere a vapore verdure di qualunque tipo. Evitare il risotto perché sarebbe difficile ottenere una cottura ottimale.