Per essere più produttive sul lavoro bisogna innanzitutto iniziare bene la giornata focalizzando la propria attenzione sulla prima ora. Una volta che è stato memorizzato questo semplice concetto, bisogna porsi la domanda: come riuscirci? Il segreto del successo risiede nell’espressione inglese “think positive“, ovvero pensare positivo, come anche nell’organizzazione del piano di lavoro.

Se è vero che con i lavori svolti da casa la gestione del tempo a propria disposizione è più facile, chi si reca in ufficio sa, invece, che il tempo è sempre poco e passa in un baleno. Dunque, come primo passo bisogna imporsi, appena si arriva sul posto di lavoro, di non controllare la propria casella di posta elettronica, sicuramente colma di messaggi più o meno importanti che servono più a far perdere del tempo prezioso che non a semplificare e pianificare il lavoro successivo.

Sicuramente, recandosi in ufficio le notizie e le direttive su cosa fare nell’immediato verranno comunicate nel momento in cui si varca la soglia dell’azienda. Ѐ anche vero che molto dipende dal tipo di lavoro che si svolge; infatti, se si lavora molto con le email e non si può fare a meno di leggerle appena giunti, bisogna organizzarsi creando due distinti filtri per le email. Si devono smistare quelle che riguardano prettamente il lavoro su una casella di posta dedicata, in questo modo si perderà molto meno tempo nel leggerle. Sempre per il medesimo motivo è sconsigliato perdere tempo rispondendo a telefonate private se non sono di estrema importanza.

Altra azione da compiere nella prima ora di lavoro, di estrema importanza ai fini della produttività, è l’organizzazione di un briefing, ovvero di una riunione con i colleghi di lavoro per fare il punto della situazione e coordinare ogni singola azione. Inoltre, bisogna tenere presente che appena si inizia la giornata lavorativa, in particolare nella prima ora, ci si sente più carichi e riposati. Perciò il terzo e ultimo consiglio è quello di iniziare con le mansioni più difficili e importanti che, al contrario, se procrastinate ed espletate a fine giornata creerebbero maggiori problemi dovuti alla stanchezza.

Fonte: TheGrindstone