Il lavoro racchiude in sé una continua lotta contro il tempo. Accade molto spesso che si arrivi a fine giornata senza aver completato il proprio compito, rimandandolo inevitabilmente al giorno seguente e rischiando così di accumulare lavoro su lavoro. C’è chi crede di poter memorizzare tutte le cose da fare nella propria testa, ma alla fine si finisce con il dimenticare qualcosa.

Vediamo più nel dettaglio cosa si può fare per ottimizzare il proprio tempo sul lavoro, evitando una delle conseguenze più brutte: lo stress. Quante volte ci si ritrova a far tutto all’ultimo momento, perché magari si è perso tempo dietro cose inutili? Per questo il primo accorgimento da seguire è mettere tutto nero su bianco.

Si deve stilare una lista con tutte le cose da fare in giornata mettendole in ordine d’importanza; in questo modo, se dovesse capitare di tralasciare le ultime cose per mancanza di tempo, non sarebbe un fattore di estrema gravità. Stilare una classifica aiuta a tenere tutto sotto controllo e, senza alcun dubbio, in ottica futura aiuterà a far crescere la fiducia in se stessi.

Bisogna anche evitare, o quanto meno limitare, le inutili perdite di tempo; ad esempio, non ci si rende conto del tempo perso in inutili chiacchiere con il collega. Fa sicuramente bene prendersi una pausa, ma quando diventano due, tre o anche di più deve subentrare il senso di responsabilità.

Altro consiglio è quello di creare, all’interno del proprio lavoro, una sorta di gioco di squadra, in modo tale da farsi aiutare dai colleghi per i compiti che non richiedono necessariamente il proprio intervento. E ancora, per raggiungere tutti gli scopi prefissati della giornata è sempre meglio procedere a piccoli passi, scomponendo in piccole parti il proprio lavoro, semplificando il tutto e riuscendo, così, a risolvere ogni cosa in breve tempo.

Per chi, invece, svolge un lavoro da casa il discorso cambia, ma non di molto. Se per l’ufficio si rischia di non avere tempo per svolgere tutte le mansioni, per il telelavoro si pensa di avere tanto tempo a disposizione ma in realtà non è così. Le ragioni sono diverse, anche perché scatta nella propria mente un meccanismo di rilassamento e si dà il via a tutta una serie di distrazioni che ci distolgono dall’obiettivo ultimo.

Dunque, per evitare tutto ciò bisogna ricreare l’ambiente di lavoro più idoneo; fuori dalla stanza ogni possibile fonte di distrazione, come lo stereo, la TV e i giornali. Anche la stessa prassi da seguire sin dal risveglio mattutino deve essere identica a quella che si farebbe se la sede del nostro lavoro fosse distante.

Inoltre, è importantissimo fissare degli orari di lavoro che permettano di scandire il tempo a disposizione evitando, in quelle ore, di parlare con l’amica al telefono o tramite SMS. Sia che si voglia intraprendere la strada del lavoro d’ufficio, sia quella del telelavoro, una regola su tutte deve diventare un dovere: mai posticipare gli impegni urgenti.

Fonte: Divine Caroline