Le donne imprenditrici rappresentano una forza lavoro determinante in Italia, soprattutto tenendo conto che le imprese rosa hanno sofferto meno della crisi economica che, ancora oggi, coinvolge il nostro paese.

Una nuova iniziativa della Commissione Europea promette di andare incontro all’imprenditoria femminile promuovendo nuove attività e spianando la strada alle donne che desiderano creare un’attività in proprio. Si tratta di una nuova “Rete Europea di consulenti per l’imprenditoria femminile”.

Galleria di immagini: Imprenditoria femminile

Il progetto ha il fine di creare una rete di consulenti in almeno 15 paesi europei, figure fondamentali per potenziare le imprese femminili e condividerne il percorso. Questa rete, nel dettaglio, sarà anche in grado di supervisionare sul rapporto tra le donne imprenditrici e gli stessi consulenti.

L’iniziativa rappresenta un passo in avanti verso il potenziamento del lavoro femminile in generale, che nella penisola è presente in percentuali ancora troppo basse sebbene in alcune regioni come la Lombardia il numero di attività rosa sia in forte aumento.

Ricordiamo, però, che la maggior parte di queste imprese rosa nascono e si sviluppano soprattutto grazie ai mezzi personali delle donne che le avviano, costrette a fare i conti con la carenza di finanziamenti finalizzati all’apertura di nuove attività gestite al femminile.