La crisi dell’MGM, la famosa casa di produzione che ha appena congelato il nuovo capitolo dedicato a James Bond, sembra colpire anche uno dei titoli più attesi del 2011 come “Lo Hobbit” di Guillermo del Toro.

La produzione fortemente voluta da Peter Jackson non sembra procedere in maniera spedita, nonostante i continui sforzi da parte degli artigiani e tecnici della Weta, l’inizio delle riprese del film tarda ancora ad arrivare.

Malgrado alcune dichiarazioni rilasciate da Peter Jackson stavolta in veste di produttore, dove specifica che non vi è alcun tipo di ritardo nella produzione, i dubbi restano ugualmente.

Queste che seguono, sono le esatte parole rilasciate dal produttore:

In realtà non c’è mai stato alcun ritardo o rinvio semplicemente perché non è mai stata annunciata una data definitiva. L’annuncio non c’è stato perché la MGM non ha ancora dato il via libera al progetto, quindi al film non è ancora stato attribuito lo stato di “film in lavorazione”.

Incertezze a parte, a dieci anni di distanza dal primo film di Jackson dedicato al Signore degli anelli, è quasi completa la ricostruzione del set originale dove furono ambientate le scene di Hobbiville.

Ricordiamo che il dittico dedicato all’Hobbit non arriverà nelle sale prima del dicembre 2011, mentre la seconda parte dovrebbe uscire nel 2012.