Dicono che funzioni meglio di molte terapie di coppia: basta un po’ d’olio e una padella per far scattare qualcosa di speciale. Dicono che i fornelli siano la nuova frontiera della terapia di coppia che salva l’amore. Di cosa si tratta? Si chiama “Cooking Therapy“, ed è la terapia del cibo “che unisce le persone”.

Arriva da Hollywood dove, con una media di una coppia che si dissolve ogni sei mesi, pare che la “Cooking Therapy” stia mietendo un successo amoroso dopo l’altro: è l’arte del cucinare insieme al partner quando si notano le avvisaglie di una crisi o, addirittura, quando questa sembra essere già arrivata a uno stadio avanzato.

La scopritrice ufficiale degli effetti benefici che cucinare insieme ha sulla coppia è Nicoletta Merlo, che dal suo sito spiega:

Il cucinare, il toccare e manipolare ingredienti e cibi, il concentrarsi su preparazioni e presentazioni dei piatti, oltre al fatto di dar libero sfogo alla propria creatività, rappresenta insomma un vero e proprio strumento terapeutico, a cui si aggiunge la complicità, quando lo si fa per la persona amata o, ancora meglio, se lo si fa insieme a lei.

Alcuni divi che si divertono con la “Cooking Therapy”? Clooney e Canalis, Eva Longoria e perfino Lady GaGa. Oltre all’ereditiera più chiacchierata di tutte, Paris Hilton, che afferma di divertirsi un mondo a cucinare cene luculliane per e con il suo fidanzato.

La “Cooking Therapy” richiama inconsciamente un gioco tra i partner, uno scambio di coccole e, a volte, una session terapeutica può durare anche una giornata intera: lo è stato per Eva Longoria, che adesso è anche proprietaria di un ristorante a Los Angeles.

Vi aspettereste mai di sentire queste parole da una star sofisticata come Lady Gaga?

Adoro passare ore in cucina, e mi ritengo una buona cuoca. Mi piace cucinare italiano, come polpette, spaghetti e tutti i tipi di sughi per la pasta.