La nascita di un figlio è uno degli eventi più meravigliosi che una coppia possa vivere, consente di sviluppare tra i partner un legame indissolubile ma, al tempo stesso, può essere la fonte di qualche problema relazionale. Stando ai risultati pubblicati dal sondaggio condotto su un campione di 3000 genitori dalla ReadyBed, l’arrivo del primo figlio diminuisce drasticamente le occasioni di intimità e romanticismo all’interno della coppia.

La salute, la sicurezza e il benessere dei figli, infatti, soprattutto se si tratta del primo, tendono a diventare la priorità assoluta e a mettere in secondo piano il rapporto amoroso col partner. I dati comunicano, ad esempio, che una coppia di genitori esce insieme solo 15 volte nei primi cinque anni di vita del loro bambino.

Inoltre, la ricerca svela che sette su dieci vorrebbero poter avere più notti insieme, e il 57 per cento conferma che il rapporto manca di romanticismo dopo l’arrivo del loro primogenito e che, in compenso, è dominato dalla nostalgia dei tempi passati.

Entrano in gioco, poi, altri due fattori pratici di estrema importanza che, seppur in modo inconsapevole, minano la stabilità e la serenità del rapporto di coppia. La mancanza di soldi è una questione spinosa, soprattutto quando si spende tutto per il benessere dei bambini, evitando di riservare a se stessi un momento di puro relax.

Uscire a cena fuori, magari bevendo un po’ troppo, andare al cinema o in un centro benessere non sono opzioni contemplate per i neo genitori che, invece, preferiscono concentrarsi sulla scuola, le visite mediche e gli sport dei loro figli. Il senso di colpa gioca un ruolo importante ed è quello che subentra, ad esempio, quando una madre chiede alla baby sitter di prendersi cura del proprio bambino.

Lucy Wynn Jones, portavoce di ReadyBed, ha così commentato l’esito del sondaggio:

“la dura realtà è che anche se i genitori riuscissero a godersi più tempo insieme, nella maggior parte dei casi i figli verrebbero prima. La gente sta male alla sola idea di mettere il proprio rapporto di coppia davanti alle esigenze dei figli. Si sentono in colpa se chiamano una baby sitter ma al tempo stesso desiderano un po’ di tempo per sé stessi lontano dai bambini. Quello che è estremamente importante, invece, è continuare a mantenere un livello di normalità e di romanticismo all’interno della coppia, anche dopo esser diventati genitori.”

Ricordare quello che si era in quanto amanti, ritrovare la complicità nelle piccole azioni quotidiane, come la colazione a letto o una cenetta romantica tutta casalinga, potrebbe aiutare a superare questo tipo di ostacoli e donare alla coppia, ma soprattutto alla neo famiglia, un clima di serenità.