A Domenica 5, Fabrizio Corona non perdona e costringe un irritato Mauro Coruzzi, in arte Platinette, a lasciare il programma.

Il contenitore domenicale, condotto da Barbara D’Urso, nelle intenzioni degli autori e della stessa presentatrice avrebbe dovuto mettere da parte quel trash che tanto aveva caratterizzato altre “buone domeniche”, si fa per dire, ma la trappola era dietro l’angolo.

Interrogato sulla sua professione e sulle sue attività, Corona manca di rispetto ad una signora del pubblico, definendo la sua domanda “stupida”. Platinette non ci sta e prende le parti della donna, stuzzicando il “fotografo dei vip”, che dice:

Non ho bisogno, per farmi ascoltare, di vestirmi da drag queen e ti mangio in testa, a livello giornalistico.

Parole dure a cui Platinette risponde inferocito:

Non ho sei processi sulle spalle io, bello. Ciao, io vado via. Mi hai rotto le scatole e vado a mangiare la cassoeula, alla faccia tua.

L’onnipresente “Fabri”, ribattezzato con questo nomignolo dalla conduttrice napoletana, non è nuovo a colpi di testa e, se provocato, non esita a controbattere. Così, dopo aver analizzato alcuni controversi episodi della sua vita attraverso un dibattito con il pubblico in studio, era inevitabile che qualcosa non funzionasse.

A onor del vero, anche Platinette aveva provocato Corona con frasi del tipo “pieno di tatuaggi e pieno di stupidità”. La verità, si sa, sta nel mezzo. In questo caso, non appartiene a nessuno. Solo tanto trash e una certezza: la nuova domenica di Canale 5, nonostante le belle promesse, non è cambiata di una virgola.