La cena è un pasto cui si addicono particolarmente ricette leggere. Quando si è giovanissimi la questione non si avverte molto, ma con l’andare degli anni, abbuffarsi a cena o indulgere contemporaneamente con gli alcolici significa una successiva notte insonne. A questo vanno aggiunte altre istanze, come la necessità di mantenere la linea o di ottenere una digestione veloce. Mangiare la sera non è come mangiare di giorno: a pranzo ci sono molte ore che ci separano dal sonno e quindi ci consentono di smaltire non solo le calorie in eccesso, ma soprattutto digerire in maniera ottimale. Questa è la ragione per cui, ad esempio, la sera, molte diete dimagranti da 1500 calorie giornaliere non prevedono i carboidrati complessi o i cibi difficilmente digeribili.

Banditi quindi carboidrati complessi e magari i peperoni, che non tutti sono in grado di assimilare velocemente, ecco quindi alcune ricette da preparare per cena, che si sia soli, in due o in famiglia. La cena può constare di un piatto unico, un primo o un secondo di solito, ma anche di un antipasto particolarmente gustoso. Tra gli antipasti leggeri consigliati c’è sicuramente l’insalata di mare, o le cozze gratinate: per rendere queste ultime più gustose si possono riempire anche con piccoli gamberetti sgusciati, prima di coprire tutto con l’impasto di uova, pan grattato e prezzemolo. Anche una caprese, magari con mozzarella di bufala, può essere un simpatico escamotage per la cena, in particolare nelle sere estive.

Tra i primi pasta a go-go, meglio se integrale. Secondo quanto spiegato in precedenza, è bene non esagerare con i condimenti, preparando magari un pesto leggero con zucchine fresche e poco saltate. Vietati naturalmente i sughi molto elaborati, come il ragù alla bolognese, o l’umido alla genovese, molto difficili da smaltire. Si può anche aggiungere alla pasta un condimento freddo con tonno, pomodorini, capperi e rucola fresca. Le verdure in generale possono essere un buon condimento leggero per la pasta, sempre evitando i peperoni e magari privilegiando melanzane, zucchine, pomodori.

Per quanto riguarda i secondi infine, si può scegliere tra carne, pesce o verdure. Le verdure grigliate o al vapore, per esempio, hanno poche calorie e possono essere digerite facilmente (tranne sempre i peperoni, a meno che non vengano serviti con pochissimo olio d’oliva per esempio), ma possono essere anche un simpatico contorno.

Tra i secondi di pesce meglio la cottura al vapore o sulla griglia: evitare la zuppa alla livornese e privilegiare per esempio il pesce azzurro, piuttosto che lo sgombro, sicuramente uno dei pesci più gustosi, ma anche uno dei più pesanti. Tra i secondi di carne, via libera alla fantasia, dagli involtini di fettine di vitello o cavallo ripieni con un po’ di formaggio e del salame agli arrosti speziati con salvia o rosmarino.

L’importante è non abbinare mai la carne ai carboidrati e sostituire magari delle verdure, ed evitare, se possibile, le fritture. Alle patatine fritte, meglio preferire delle patate novelle al forno. Anche il roast beef può essere una soluzione, l’importante è non fare la scarpetta con il sugo dell’umido.