Attraverso il linguaggio del corpo si codificano le emozioni nascoste e si può capire se una persona dica la verità o meno. Inoltre, se si è degli esperti, si possono utilizzare le tecniche del linguaggio non verbale per rendere note le intenzioni ad altre persone. Importante però è il fatto che spesso i gesti devono essere inseriti nel contesto e studiati assieme ad altri segnali per tirare correttamente le somme sui messaggi che un individuo trasmette, anche indirettamente; altri invece sono lampanti.

L’unico vero sorriso, dice Anita Barbee, professoressa di lavoro sociale presso l’Università di Louisville, nel Kentucky, è quello in cui sono impegnati i muscoli oculari. Le persone che sorridono per più di cinque secondi e solo con le labbra con alta probabilità sono finte in quella circostanza. Ma facciamo degli esempi: battere le ciglia alla velocità di intermittenza di 6-8 volte al minuto è un fattore normale. Sotto stress si raddoppiano però le volte e quindi solo tramite il contesto si può capire la causa di tale stress e quindi scoprire un’eventuale menzogna.

Se vediamo qualcuno mordere, succhiare, leccare le labbra vuol dire che è sotto pressione o in una situazione imbarazzante, e si sta tentando di confortarsi.

Il toccarsi ripetutamente i capelli da parte di una donna generalmente sta a significare che si vuole attirare l’attenzione sulla propria persona (viso-collo) e può presagire una situazione in cui i sentimenti prevalenti sono flirt, imbarazzo e nervosismo.

Quando si raccontano frottole ci si gratta il naso, tale fatto è accompagnato tradizionalmente da una scarica di adrenalina, con conseguente espansione dei capillari, adducendo prurito al naso. Altro elemento che avvalora tale tesi è il fatto di parlare al proprio interlocutore distogliendo lo sguardo nei momenti importanti della conversazione.

Se invece si parla con gli occhi abbassati forse è un tentativo di ricercare in voi l’empatia. Un restringimento degli angoli delle labbra, invece, è un chiaro segno di rabbia. Alzare le sopracciglia, una o entrambi, è un gesto di curiosità genuina e interesse, mentre le sopracciglia abbassate possono indicare emozioni negative, come la confusione e la paura.

Per quanto riguarda la posizione dei piedi, in linea di massima le persone li posizionano verso la persona che ha catturato la loro attenzione. Se si parla con una persona con la posizione delle gambe alla larghezza delle spalle, il segnale è di voler dominare e si ha anche molta determinazione a farlo. Se lo fa con le mani sui fianchi, allora è un’affermazione di potere.

Il trasferimento di peso da un piede all’altro o dondolare avanti e indietro è un movimento confortante che indica che siamo ansiosi o arrabbiati. Fondamentalmente, questa è una rappresentazione fisica di quello che sta succedendo nella nostra testa, quindi significa che si hanno molti pensieri inquietanti dai quali non riusciamo a liberarci.

Fonte Realsimple.