È la Notte dei Musei di sabato il grande appuntamento imprescindibile se si vuole decidere cosa fare a Roma nel weekend del 18-20 maggio.

Il 19 maggio l’arte a Roma resta accesa fino alle 2 di notte per la nuova edizione de “La Notte dei Musei”, manifestazione che si svolge in contemporanea in 30 paesi europei. L’evento coinvolge quest’anno nella Capitale oltre 50 spazi – tra musei civici e statali, università pubbliche e private, istituzioni italiane e straniere, altri siti espositivi e culturali – che apriranno eccezionalmente al pubblico le proprie sedi dalle 20 fino alle 2 di notte (ultimo ingresso ore 01.00) con spettacoli, mostre, eventi e iniziative speciali, offrendo a cittadini e visitatori una festa straordinaria dedicata all’arte e alla cultura, con un biglietto d’ingresso simbolico pari a 1 euro oppure ad ingresso completamente gratuito, dove espressamente previsto.

Non solo arte, però, nella Capitale, ma anche tanti concerti, spettacoli teatrali, festival e la finale degli Internazionali di Tennis: ecco la consueta selezione degli eventi preferiti dalla redazione.

Leggi anche: Cosa fare a Milano nel weekend

Eco e Narciso a Palazzo Barberini

Inaugura venerdì 18 maggio, Eco e Narciso. Ritratto e autoritratto nelle collezioni del MAXXI e delle Gallerie Nazionali Barberini Corsini, prodotta dalle Gallerie Nazionali in collaborazione con il MAXXI. L’esposizione, curata da Flaminia Gennari Santori e Bartolomeo Pietromarchi, celebra la restituzione al pubblico di undici nuove sale affacciate sui giardini di Palazzo Barberini e occupate per molto tempo dal Circolo Ufficiali delle Forze Armate, per un totale di oltre 750 metri quadri di spazio espositivo. Il percorso della mostra, che si snoda sia tra le nuove sale, sia nel Salone Pietro da Cortona, nella Sala Ovale e nella Sala dei Paesaggi, è un dialogo fra arte antica e arte contemporanea sul tema del ritratto e dell’autoritratto, con opere provenienti dalle collezioni dei due musei nazionali. Fino al 28 ottobre.

Via delle Quattro Fontane, 13. Dalle 8.30 alle 19. Biglietti da 12 a 6 euro.

Foto di Musacchio & Ianniello (courtesy press office)

L’Arlecchino di Strehler all’Argentina

Fino a domenica, torna sul palcoscenico del Teatro Argentina, in occasione dei settant’anni del Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa (1947), il celebre Arlecchino servitore di due padroni, con il quale il grande maestro della regia italiana, Giorgio Strehler, ha reinventato la Commedia dell’Arte, a vent’anni dalla sua scomparsa nella notte di Natale del 1997. Lo spettacolo si presenta nella versione curata dal suo interprete di sempre, Ferruccio Soleri, entra­to nel Guinness dei Primati per aver offerto la sua arte per una intera vita alla celebre maschera goldoniana, e qui con l’avvicendamento di Enrico Bonavera, che subentra, in un gioco di staffetta, al grande interprete che a sua volta ha ereditato la maschera di Arlecchino da Marcello Moretti (a partire dal 1959).

Largo di Torre Argentina. Venerdì ore 21, sabato ore 19, domenica ore 17. Biglietti da 40 a 12 euro.

(Foto: courtesy press office)

Gatti sorridenti e altri alla Casa del Cinema

Sabato, in occasione della Notte dei Musei, la Casa del Cinema propone una serata in onore di Chris Marker: cineasta che sfugge ad ogni possibile delimitazione, Marker ha saputo avvicinarsi alla realtà con occhi limpidi e curiosi trasformandola in fenomenologia del reale (Eclipse, Les statues meurent aussi) e alla narrazione (La jetee, Level five) regalandoci veri e propri cristalli di cinema. Un tour di 199 minuti in 11 cortissimi, corti e mediometraggi; tra statue che muoiono, eclissi e gatti che sorridono.

Largo Marcello Mastroianni, 1. Alle 20. Ingresso libero.

(Foto: chrismarker.org)

Artisti riuniti per l’Angelo Mai

Grande concerto, venerdì, alla fine della sospensione della chiusura dell’Angelo Mai in cui si alterneranno sul palco alcuni dei tanti artisti, musicisti e dj che sostengono lo spazio capitolino, lo frequentano e lo vivono. Gli artisti sottoscrivono un appello indirizzato alla Sindaca Virginia Raggi e all’intera Giunta del Comune di Roma per chiedere di risolvere una volta per tutte la situazione dell’Angelo Mai, un luogo di cultura dal valore indispensabile per questo paese.

Via delle Terme di Caracalla, 55. Dalle 19. Ingresso 5 euro.

Festival del Verde e del Paesaggio

Nel weekend, il Parco Pensile dell’Auditorium Parco della Musica ospita l’ottava edizione del Festival del Verde e del Paesaggio: fiori, piante, giardini, paesaggi, incontri, lezioni, moda, musica e teatro danno vita al più innovativo evento nazionale, capace di richiamare oltre 21.000 visitatori insieme ai massimi esperti e professionisti del settore. Il Festival 2018, una collaborazione tra Altri Paesaggi e Fondazione Musica per Roma, è un invito a lasciarsi stupire dalla natura alla ricerca dei collezionisti botanici con i loro esemplari rari, degli architetti del paesaggio con i loro giardini e dei designer che con le giuste suggestioni sanno creare accoglienti rifugi in città.

Viale Pietro de Coubertin, 30. Dalle 10 alle 20.30. Ingresso 10 euro. 

Vanitas Mundi di Giovanni Raspini all’Art Hotel

Fino a domenica, l’Art Hotel ospita Vanitas Mundi, una danza macabra fra ironia, glamour, gotico e kitsch: una mostra di gioielli, oggetti, arredi, dipinti e suggestioni che Giovanni Raspini porta in giro per l’Europa. L’orafo utilizza il memento mori per celebrare la vita: così il ghigno del teschio diventa un sorriso ironico e le ombre diventano luce.

Via Margutta, 56. Ingresso libero.

(Foto; courtesy press office)

Cavalli a Villa Borghese

La Casina di Raffaello di Villa Borghese, a due passi da Piazza di Siena dove si svolgerà l’86° Concorso Ippico Internazionale (CSIO), ospita la mostra Cavalli: una passione di famiglia, aperta al pubblico fino al 22 luglio. In occasione dell’inaugurazione di sabato, alle ore 11 sarà presentato il volume “Storie di Donne e Uomini, Cavalli e Arte” (Edizioni Discoverplaces.travel) che racconta come Claudia Bettiol e sua figlia Maria Vittori abbiano costruito negli anni una collezione ricchissima di oggetti, giochi e libri sui cavalli che ha portato ad una collaborazione con il Museo del Giocattolo di Zagarolo e che sarà presentata in parte in una mostra alla Casina di Raffaello.

Via della Casina. Dalle 10 alle 19.

(Foto: courtesy press office)

Libetta District Market

Non un semplice mercato, ma ben 5 club riuniti in un percorso fisico e narrativo catalizzatori di progettualità legate alla creatività, all’artigianato, al riuso, all’arte e alle nuove socialità. Giovani designer, stilisti indipendenti, collezionisti vintage, artigiani, animeranno il quartiere Garbatella con mostre d’arte, workshop, installazioni. Uno spazio con artigiani che lavorano a vista, laboratori innovativi aperti ad adulti e bambini in una cornice di spettacoli di strada, musica e colori. Un grande bazar per lo shopping per chi vuol conoscere i miracoli della creatività.

Via Libetta e via degli Argonauti. Dalle 12 alle 21.30

Crêpes e Nutella Festival

Sabato, RomaEat propone il Festival della Crêpes alla Nutella. Le Creperie sono: CrepesGallettes (in Via Leonina 21), una creperie che si trova nel quartiere Monti a 2 passi dal Colosseo, propone sia crepes dolci, a scelta tra circa 10 crêpes diverse, sia galettes salate di tutti i tipi. Le farine sono bio e provengono tutte dalla Bretagna; IcrePes (Piazzale degli Eroi 7), una cialda sottile e croccante per una deliziosa crêpe alla nutella; la creperie di Testaccio (Via Galvani 11), storica Creperie a Testaccio, aperta nel 1983, unica sede e gestione. Le “Galettes de Sarrasin” e le crêpes dolci, preparate con farine poco raffinate, rappresentano il “core busines” del locale con diverse varietà di gusti e leccornie.

Luoghi vari. Dalle 15 alle 21

(Foto: Facebook @romaeatofficial)

Internazionali di Tennis al Foro Italico

Si concludono domenica gli Internazionali BNL d’Italia femminili, torneo Wta Premier dotato di un montepremi di 3.351.720 dollari. Per immergersi realmente nell’atmosfera degli Internazionali di tennis, bisogna accedere alla sezione del parco dove sono allestiti i campi secondari. Proprio qui i campioni si allenano in vista dei match. Gli spalti di questi campi sono frequentati da esperti e da veri appassionati di tennis, che non solo apprezzano lo spettacolo, ma ancor di più la preparazione della gara. Nel parco è facile incontrare i propri beniamini o i più blasonati allenatori, per strappare un autografo o un selfie. Ma attenzione: non tutte le star sono disponibili a farsi fermare.

Lungotevere Maresciallo Cadorna e Viale delle Olimpiadi 60.

(Foto: Getty Images)