I rimedi per combattere, o quantomeno alleviare, i disturbi causati dalla sindrome premestruale sono di diverso genere, e vanno dall’attività fisica ai rimedi naturali, passando per l’alimentazione. Innanzitutto, è bene ricordare che la sindrome premestruale racchiude una serie di sintomi che si manifestano nei giorni immediatamente precedenti all’inizio del ciclo mestruale e che, soprattutto, si manifesta in modo differente nelle donne.

Ad ogni modo, il consiglio generale è quello di seguire un’alimentazione mirata, per poter affrontare, così, i giorni di maggiore irritabilità, fisica e psicologica, con più serenità. Ecco, allora, una serie di alimenti che non possono mancare in cucina se volete combattere la sindrome premestruale a tavola.

Galleria di immagini: Cibi per la sindrome premestruale

Il primo cambiamento che si nota è una voglia maggiore di cioccolato, dolci e pasta a causa dell’aumento del livello di serotonina e di zuccheri nel sangue. Per soddisfare tale desiderio ma, al tempo stesso, non mettere peso sarà meglio preferire cereali, frutta, riso, legumi e patate.

Non rinunciate, poi, agli acidi grassi omega3 contenuti nel pesce per combattere i crampi all’utero e al basso ventre: via libera a salmone e tonno, preparati al forno o magari alla griglia. I crampi allo stomaco e la sensazione di gonfiore addominale sono due dei sintomi più fastidiosi durante il periodo che precede le mestruazioni e, perciò, è importante assumere le giuste quantità di calcio e di alimenti che riducano la stitichezza.

Mangiare uno yogurt al giorno sarà sufficiente per l’apporto quotidiano di calcio, mentre mangiare mele e pere aiuterà a ridurre il gonfiore addominale. Affrontare la sindrome premestruale, ovviamente, significa anche prepararsi in modo sereno e senza stress, cercando di limitare gli sbalzi d’umore e l’irritabilità.

Per risolvere tali problemi, allora, mangiate banane, verdure a foglia verde, crusca e sardine, ostriche e cozze che, con il loro giusto apporto di magnesio, zinco e rame, hanno effetti benefici sull’umore. Per lo stesso scopo, è utile evitare il caffè e tutte le bevande a base di caffeina che potrebbero incrementare la tensione mammaria e lo stato di ansietà.