Vi siete mai trovate in condizione di essere a dieta ma di non poter rinunciare a una serata in un ristorante? Magari è il compleanno della vostra amica del cuore o finalmente il ragazzo dei vostri sogni vi invita a una cena romantica. Ecco come fare per non vanificare gli sforzi fatti durante tutta la settimana per mangiare solo quello che c’è scritto sulla dieta.

Innanzitutto, tenete presente che una dieta degna di questo nome non elimina alcuni alimenti, ma li riduce o li combina con altri per evitare che diventino bombe caloriche. Per cui, in tutte le diete, c’è una volta a settimana la birra, bionda, piccola e da tavola, e la pizza, margherita e magari non troppo condita.

Galleria di immagini: Menu e ristoranti

Inoltre, diffidate dalle diete che non hanno degli alimenti che voi siete solite mangiare: se vi nutrite prevalentemente di formaggio, cercate quelli più magri, come lo stracchino, o alla fine della dieta prenderete i chili persi e anche molti altri, perché avrete l’esigenza di ingozzarvi dell’alimento che vi manca.

Ma torniamo alla nostra cena dietetica. Per cominciare, evitate di ingozzarvi di pane, tarallini o grissini. Servono solo ad assumere calorie in più e ad aprirvi lo stomaco, già lamentoso per il regime alimentare moderato. Meglio aspettare, magari chiacchierando con gli amici o il vostro lui.

Tra i piatti da ordinare, scegliete secondi e contorni adeguati: vanno bene gli arrosti o i lessi di carne o pesce, poco calorici e soddisfacenti. Se chiedete l’insalata, fatevi portare i condimenti a parte, per evitare che il vostro contorno sia zuppo di olio e quindi molto calorico. Anche la pizza, ordinatela, ma se fate a metà con un commensale, o prendete la misura per bambini, è meglio. Ricordate: in ogni compagnia, c’è l’amico ingordo che finisce quello che avete ordinato.

Assolutamente vietate le fritture. Anche con il dolce, meglio facciate a metà o scegliete dolci di frutta, più salutari e meno calorici: certo, non sono appetibili come crema e cioccolato, ma se belle vogliamo apparire un poco dobbiamo soffrire, dice l’antico proverbio.

Evitate l’alcol e le bevande gassate, meglio l’acqua o un bicchiere di vino, magari rosso. Tra i ristoranti etnici, se proprio dovete sceglierne uno, meglio il giapponese: il sushi è leggerissimo e il pasto si apre solitamente con una tazza di tè verde, buona, diuretica e dimagrante.