Il lieto evento si avvicina e fervono i preparativi per il nascituro: è necessario avere le idee chiare anche su cosa serve in ospedale per il neonato.

Nella maggior parte dei casi è l’ospedale stesso dove si intende partorire a fornire una lista di quello che occorre portare per il bebè come per la mamma ma, a eccezione di piccole variazioni, il corredino necessario richiesto è pressoché identico per tutte le strutture ospedaliere e le cliniche.

L’importante è preparare la famigerata valigia per il parto con un po’ di anticipo così da essere sicure di avere a portata di mano tutto l’occorrente per quando arriva il momento cruciale.

Ecco allora cosa serve portare in ospedale per il neonato.

  • Tutine e body. Ovviamente la prima cosa a cui pensare sono i primi indumenti che il piccolo indosserà. Via libera allora a pratiche tutine, il cui materiale andrà scelto in base alla stagione. In linea di massima è sempre utile cercare di avere sia tutine leggere che un po’ più pesanti così da poter gestire al meglio ogni situazione; capita infatti che la temperatura in ospedale sia alquanto variabile: può fare molto caldo ma anche freddo. Utile anche un buon ricambio di body che tendono a sporcarsi facilmente. L’ideale per i primi cambi è puntare sui modelli più pratici come quelli a kimono che si riescono a infilare più facilmente. Attenzione anche alle taglie: meglio non optare per 0 mesi ma per una taglia da 3 mesi.
  • Cappellino di cotone. I bebè sono molto sensibili agli sbalzi di temperatura, per cui una buona idea può essere quella di mettere in valigia anche dei cappellini in cotone da far indossare subito al piccolo per stare in ospedale.
  • Calzini e bavaglini. Allo stesso modo sarà utile avere con sé qualche paio di calzini, fondamentali per coprire i piedini del bebè durante i cambi o le prime visite in ospedale e poi una serie di bavaglini per fare in modo di gestire agilmente “l’emergenza” rigurgiti.
  • Una copertina. Se il piccolo nasce in inverno, è bene mettere in valigia anche una copertina di lana con cui scaldarlo quando è nella culla. Se invece nasce d’estate, può servire un semplice lenzuolino, come quelli in mussola di cotone.
  • Occorrente per uscire. Ovviamente non bisogna dimenticare tutto quello che servirà al momento della dimissione, specie se fa freddo. E dunque un sacco termico dove mettere il piccolo, un maglioncino di lana e un cappello.

Va da sé che la maggior parte degli ospedali fornisce pannolini e salviette per il cambio ma è bene sempre informarsi adeguatamente così da essere preparate.