Quest’anno in qualunque angolo “modaiolo” mi capiti di buttare l’occhio, ciò che proprio non riesco a non vedere sono i costumi da bagno fluo, con tanto di balze sul reggiseno a fascia, concepito dunque per ingrandire il più possibile il colpo visivo sul seno. Al mercato, nei centri commerciali, in negozio e infine in spiaggia, i costumi fluo con le frange ci stanno invadendo neanche troppo silenziosamente.

Se il reggiseno di detto capo d’abbigliamento è finalizzato alla dilatazione quanto meno visiva, lo slip è rintracciabile in diverse versioni: stile mutandoni della nonna ad esempio o una più audace ma comunque elegante brasiliana, ce n’è per tutti i gusti. La caratteristica da cui però non si può prescindere è la fosforescenza, quella ce ci si ostina a definire appunto “fluo” perchè fa figo, ma che di per sè rimane la qualità prevalente delle tute segnaletiche in autostrada.

Galleria di immagini: Bikini Bridge: la tendenza impazza su Twitter

In ogni caso, che i bikini in questione siano gialli, arancioni, rosa o verdi, sempre “fluo” devono essere, altrimenti sei out. E la domanda sorge spontanea: ma siamo sicure che vada bene per tutte?!? Insomma siamo certe che l’evidenziatore, per definizione appunto, non metta troppo in risalto?!? Perchè sottolineare i pregi è un conto, farlo con i difetti è un altro.

Allora non ci resta che analizzare la questione in modo oggettivo, ponendoci delle domande ben precise e rispondendo con assoluta sincerità:

  1. Siamo abbastanza abbronzate? O siamo comunque provviste di una colorazione naturale piuttosto scura? Perché in caso contrario, il costume fluo evidenzierebbe soltanto un certo pallore cadaverico (per non parlare di cellulite e altri inestetismi) per niente eccitante sulla sabbia
  2. Siamo bellezze curvy oppure bellezze “standard”?!? Perché nel secondo caso ci è concesso mettere tutto, nel primo no: il fluo e le frange potrebbero arrotondare ulteriormente le forme, col risultato di acquistare visivamente anche una taglia in più. L’effetto finale però è soggettivo: in fondo dare l’impressione di portare una quinta anzichè una quarta di reggipoppe potrebbe sempre farci piacere
  3. Siamo sicure che la conformazione del nostro seno ci permetta di indossare un reggiseno a fascia senza rimpianti?!? Perchè in alcuni casi questo particolare tipo di indumento potrebbe non fare altro che schiacciare il nostro decoltè con risultati disastrosi, specialmente se il resto delle curve al contrario dovesse risultare accentuato (spesso, a mio avviso, la bellezza non sta nelle cifre che compongono una taglia, bensì nelle giuste proporzioni fra le curve!)

Insomma, non lasciatevi trascinare dalla moda del momento e nemmeno dal pensiero che “tanto vi abbronzerete”. Provate un bikini fluo se proprio non potete farne a meno, ma cercate di valutare il risultato con oggettività. E questo non perchè dobbiate rispondere necessariamente alle esigenze estetiche della società, ma perchè dovete essere in grado di camminare sulla spiaggia sentendovi bene con voi stesse. Essere a vostro agio è l’unica cosa che conti davvero!

photo credit: Katatonic28 via photopin cc