La cantante bolognese, iscritta per sempre nell’albo dei miti generazionali per le sue sigle per bambini, lancia il suo nuovo CD Cristina for you, disponibile in tutte le edicole allegato a TV, Sorrisi e Canzoni.

Cristina D’Avena, grazie anche al costante riciclo di Italia 1 di serie andate in onda anche decine di anni fa, è costantemente presente nelle case di tutte le famiglie italiane. Le sue sigle, soprattutto quelle degli anni ’80 e ’90, sono indimenticabili: I Puffi, Pollon, Mila e Shiro, Occhi di Gatto sono solo alcune delle sue pietre miliari della TV dei bambini, i cui testi sono stati scritti per la maggior parte da Alessandra Valeri Manera.

Proprio in occasione del suo ultimo CD, la cantante ha raccontato a TGcom del proprio passato, ma anche dei progetti futuri e della televisione di oggi.

In realtà l’album, che contiene i suoi successi più famosi come Pollon e anime recenti alla Blue Dragon, è un progetto più grande dedicato al mondo dei piccoli:

Questo disco sarà in edicola solo per un mese e consentirà ai miei fan di realizzare un sogno. Tantissime volte mi hanno chiesto di cantare alle feste di compleanno dei bambini ma ho sempre detto no perché non sarebbe stato giusto fare discriminazioni. Avrei dovuto cantare poi a tutti i compleanni, dopo il primo si. Allora ho avuto l’idea di ovviare con questo contest dove, compilando il coupon interno al disco, almeno tre fan di tutta la penisola, uno per il Nord, uno per il Centro, uno per il Sud, saranno estratti e potranno vincere l’opportunità di avermi ospite alla loro festa.

Le viene poi chiesto un parere sulla differenza fra le ineguagliate sigle vecchie e quelle odierne:

Le canzoni si ricordano perchè sono orecchiabili, carine ma sono le storie a essere rimaste impresse, basti pensare a “Georgie”, a “Candy Candy”. Oggi i cartoni sono episodi separati, non c’è una storia o un’evoluzione, finiscono lì. È cambiata anche la televisione; esistono i canali tematici, un tempo i cartoni erano tutti su Italia 1 e tutti li guardavano il pomeriggio, prima che li spostassero alle 20.

Segue, quindi, un parere sui talent show e i reality:

Direi una bugia se dicessi che non guardo i reality; nel bene o nel male ci sta che il pubblico desideri guardarli. In quanto ai talent, chi partecipa cerca di bruciare le tappe. Se partecipi e pensi di arrivare sbagli, perchè il nostro è un lavoro particolare e ci si trova davanti a una realtà non facile da gestire. Bisogna avere un sogno ma anche studiare. Molti, malgrado lo studio, restano delusi. Ognuno di noi ha un destino, se la stella ti sceglie va bene ma bisogna vivere tutto con serenità, la gavetta la dobbiamo fare tutti.

Postilla finale sui progetti futuri dell’attivissima cantante:

Dopo “Cristina for you” uscirà un disco di Natale, un progetto bellissimo in lavorazione che include canzoni come la “Ninna nanna” di Brahms, “Still Natch”, Happy Christmas”. È un lavoro bellissimo che mi permette di affrontare un repertorio che non avevo mai cantato. Ho raggiunto questo sogno e lo dedico a tutto il mio pubblico.