Ci sono giochi e passatempo che sopravvivono attraverso le generazioni, finendo, almeno una volta, nelle mani di tutti noi. Il cubo di Rubik, il celebre rompicapo in cui bisogna ricomporre le sei facce rispettando i colori, è sicuramente uno di questi. Pochi hanno la pazienza di completarlo ma quasi tutti ci hanno provato.

Nel 1995, nella ricorrenza del quindicesimo anniversario della creazione del cubo, la Diamond Cutters International ne ha realizzato un unico esemplare che può essere considerato “il più costoso cubo di Rubik mai esistito”.

Per la sua creazione sono stati utilizzati 34 carati di smeraldi, altrettanti di rubini e 22,5 di ametista, il tutto incastonato in una struttura in oro 18k. I meccanismi interni di rotazione, che permettono il movimento dei singoli moduli e quindi la fruibilità del rompicapo, sono perfettamente funzionanti.

Il valore di questo singolare gioiello, poiché di questo si tratta considerata la lavorazione e le pietre utilizzate, è stimato intorno al milione e mezzo di dollari.

È proprio il caso di dirlo, a volte il divertimento non ha prezzo.