Un nuovo studio ha dimostrato che la cucina, intesa come la preparazione dei piatti e l’atto stesso di mangiare ciò che è stato preparato, sarebbe il segreto della longevità.

Una buona notizia, data anche la passione che noi italiani abbiamo per questo tipo di attività.

Lo studio in esame è stato condotto da alcuni ricercatori di Taiwan in collaborazione con l’Università di Monash in Australia e pubblicato su “Public Health Nutrition”.

I ricercatori hanno analizzato lo stile di vita di 2000 persone anziane che vivono a Taiwan, tutti con più di 65 anni, di cui sono stati studiati i comportamenti culinari (quando e come cucinavano) e anche tutto i livelli di istruzioni, le cattive abitudini come l’alcol e il fumo, l’attività fisica etc.

Sul totale del campione la maggior parte si è rivelata poco impegnata in cucina (43%), il 17% cucinava una volta o due alla settimana, il 9% dalle tre alle cinque volte e il restante (31%) ha dichiarato di cucinare almeno 5 volte alla settimana.

Durante le fasi di ricerca sono decedute quasi 700 persone. Rapportando alla quantità di volte che i deceduti avevano dichiarato di cucinare con i restanti standard su cui si è basata la ricerca gli studiosi hanno potuto concludere che coloro che cucinavano più spesso hanno goduto di una aspettativa di vita più lunga.