Il wok è un tipo di padella molto pesante e bombata utilizzata nella cucina cinese, ma che sta diffondendosi molto anche in Italia poiché permette la realizzazione di piatti molto gustosi. È un nuovo modo di cucinare, che serve praticamente per qualsiasi tipo di cottura, dalla frittura alla stufatura, dalla rosolatura alla cottura a vapore.

Cucinare col wok conferisce ai piatti un sapore molto particolare, sono poche le regole da seguire – soprattutto inizialmente, quando non si ha confidenza con tale tipo di cucina – tra cui quella principale è il fatto che la padella deve essere molto calda prima che vi si inseriscano i cibi dentro.

Galleria di immagini: Piatti col wok

Wok di buona qualità sono realizzati in ferro, acciaio, ghisa o alluminio, ognuno dei quali ha caratteristiche proprie: in base al materiale utilizzato varierà il sapore del cibo lì cotto. Prima di essere utilizzato, un wok va lavato con un detergente blando e una spugna non abrasiva, asciugato e messo sul fuoco con un po’ di olio di oliva. Quando è caldo bisogna spegnere la fiamma, aspettare che il tutto si raffreddi e rimuovere l’olio. Ripetere l’operazione un po’ di volte, e il wok sarà pronto per l’uso. Le prime volte i cibi si attaccheranno alla padella ma dopo qualche giorno d’uso il problema non si presenterà più, dunque non desistete al primo tentativo se i piatti non riescono bene.

Vietato l’utilizzo della lavastoviglie per lavarlo: basta metterlo sotto l’acqua corrente, utilizzare una spazzola morbida, pochissimo detergente (oppure nulla) e farlo asciugare sul fuoco. Ogni tanto va oleato leggermente e ripulito.

L’uso principale del wok è tipicamente quello della cottura rapida, ma comunque è ideale per tutto. È necessario versare poco olio sul fondo e poi inserire gli ingredienti, mescolandoli con un movimento traverso, come a spingerli verso la parete della padella. È perfetto per le verdure, per il pesce, o per un mix di pezzi di carne, ma anche per saltare una pasta oppure il riso.

Provate ad esempio a cucinare un mix di gamberetti, pesce spada, scampi, calamari e altro pesce sul wok e poi a farli rosolare, oppure pollo e tacchino insieme a varie verdure come funghi, carote, zucchine, cipolle, melanzane: il risultato sarà sorprendente. Una volta cotti tutti gli alimenti, bisogna lasciar riposare un attimo il tutto a fuoco spento, e poi servire caldo.

Il wok può essere anche utilizzato come se fosse una friggitrice, bisogna però aggiungere molto più olio del normale, farlo riscaldare molto e poi aggiungere a poco a poco il cibo che va fritto. Quando sarà cotto, bisogna drenare l’olio in eccesso e posizionare il cibo su una carta assorbente, dopodiché servirlo.

Per la cottura al vapore, invece, bisogna mettere molta l’acqua sul fondo del wok e poi va posizionata sopra la padella una griglia ove inserire i cibi di piccole dimensioni, che verranno cotti dal vapore rilasciato dall’acqua e avranno un ottimo sapore.

Chiunque lo voglia, può arricchire i piatti preparati col wok con delle salse o delle spezie, sia piccanti che non. Renderanno il tutto più gustoso, sia che si tratti di verdure, che carne o pesce.