Le cucine ad angolo sono molto diffuse e, come spesso accade nella progettazione di questa stanza, possono essere una scelta obbligata tanto quanto una scelta estetica. La cucina, infatti, non solo è un vano fondamentale in ogni casa, per piccola o grande che sia, ma ha un arredamento prettamente funzionale: l’attacco del metano, lo scarico del lavabo, il carico di un’eventuale lavastoviglie, i fornelli vicino a un piano lavoro spesso costringono il progetto in una direzione piuttosto che in un’altra.

Tuttavia, le cucine ad angolo – anche se complicate da progettare rispetto a quelle lineari – sono uno dei modi migliori per completare la sequenza di pensili, ripiani ed elettrodomestici, e anche per sfruttare uno spazio tanto ostico come quello dell’angolo.

Ecco, allora, per chi è in procinto di acquistare una delle cucine ad angolo in commercio, soluzioni e idee da copiare.

  • Fornelli e cappa nell’angolo. Un modo originale e armonioso di sistemare l’angolo della cucina è quello di dedicarlo ai fornelli: la maggior parte delle case, infatti, prevede almeno una soluzione angolare, di solito molto ampia, con 5 o 6 fuochi. Al di sopra bisogna, ovviamente, prevedere una cappa ad hoc, mentre sotto, con un mobile a incasso, si può inserire il forno. Se desiderate il forno più alto, comodità divenuta ormai la norma, potreste posizionare sotto i fornelli la lavastoviglie o un ampio sportello con dispensa.
  • Zona lavello nell’angolo. Altra soluzione originale e molto pratica, visto che permette di raggiungere il lavello da entrambi i lati che partono dall’angolo, è di posizionarlo proprio al vertice. Il lavello ad angolo è disponibile in molte soluzioni di design, con una o due vasche, con uno o due gocciolatoi. L’angolo, infatti, è una superficie molto ampia, perciò trovare uno scopo per questo spazio può risultare vitale, soprattutto negli ambienti più piccoli.
  • Mensole. In una cucina angolare, se non si desidera acquistare pensili fuori dallo standard lineare, è possibile occupare lo spazio in alto con delle mensole, perfette per posizionare barattoli, libri da cucina, spezie e tutto ciò che si desidera tenere a portata di mano.
  • Pensili e dispense. Non sono mai abbastanza in cucina pensili e dispense per stipare stoviglie, pentole, scatolame, pasta, biscotti e tutto quello che serve per preparare i pasti. Per questo è importante fruttare anche gli angoli, sia nella parte superiore che in quella inferiore. Molti dei mobili angolari in vendita contengo già dei cestini girevoli o estraibili per poter inserire fino in fondo gli oggetti da stipare, e per poi estrarli con praticità.
  • Piccoli elettrodomestici. Sul ripiano dell’angolo, infine, non è insolito posizionare dei piccoli ma ingombranti elettrodomestici per sfruttare l’ampia superficie: tv, robot da cucina, piastra sono solo alcuni di quelli che possono trovare posto negli angoli, al riparo ma a portata di mano e pronti all’uso.