Il sole, il mare o la piscina e – anche durante la bella stagione – lo stress possono indebolire i capelli, rendendoli sfibrati e poco luminosi. Per molte donne, poi, se la propria chioma non è perfettamente in forma è un dramma. E come dargli torto? I capelli rappresentano un elemento essenziale nella bellezza femminile – e a volte anche in quella maschile.

Per questo motivo è importante, care donne, trattare con cura i propri capelli, soprattutto quando le alte temperature rischiano di rovinare la fatica invernale per mantenerli sani e forti. Innanzitutto è bene sapere che l’alimentazione è fondamentale quando si parla di capelli. Infatti, tutte quelle popolazioni con dieta proteica insufficiente tendono verso la perdita incontrollata dei capelli, evenienza che dalle nostre parti può capitare cercando di perdere peso, magari con diete dimagranti da 800 calorie.

Anche la carenza di ferro causa la perdita dei capelli e il consiglio è quello di introdurre, nel caso di soggetti anemici, nella dieta alimenti come uova, carne, cereali, piselli, fagioli, frutta fresca e verdure che, ricchi di vitamina C, aiutano nell’assorbimento del ferro e quindi a ridurre la caduta dei capelli.

Per quel che riguarda la pulizia, invece, è necessario considerare le proprie abitudini di vita. Se ad esempio si lavora in un ambiente molto polveroso, bisognerebbe fare uno shampoo almeno ogni giorno. Altrimenti due volte la settimana posso anche risultare sufficienti. Il cuoio capelluto va lavato spesso, quindi, soprattutto se sono presenti forfora e conseguente produzione di sebo.

Considerevole è in ogni caso il tipo di shampoo usato: per eliminare grasso e polvere è consigliabile utilizzare un prodotto contenente sapone detergente, oli e additivi – come gli estratti di catrame, sali di selenio, uova, birre, erbe, profumi e coloranti vari. I capelli, essendo fibre morte, non traggono chissà che beneficio da questi additivi elencati, ma in caso di cute grassa e abbondante forfora solo i derivati del catrame e il selenio solfuro possono essere veramente utili.

Gli shampoo particolarmente costosi non sono necessariamente migliori o più efficaci di quelli economici o dalla composizione più semplice. Circa l’intensa luminosità o morbidezza lasciata da certi prodotti per capelli, è necessario sapere che i balsami, generalmente a base di olio, emulsionanti e cere vegetali, ricoprono la superficie dei capelli con una sottilissima pellicola protettiva, ma che l’effetto è momentaneo: al lavaggio successivo i capelli non saranno ancora morbidi, lucenti e docili al pettine.

I prodotti da applicare dopo lo shampoo, invece, sono realmente utili quando la superficie dei capelli o la cuticola – cioè il rivestimento esterno del capello – sono rovinate. La cuticola è formata da cellule appiattite e sovrapposte e svolge una funzione protettiva nei confronti del capello. Le cellule della cuticola possono facilmente rovinarsi, a causa ad esempio di frequenti lavaggi o dell’eccessiva aggressività del prodotto usato – come le tinture o le piastre roventi – e i balsami dopo shampoo possono ridurne l’elettricità statica, aumentando l’aderenza al fusto del capello e favorendo la lucentezza dell’intera chioma.

Come accennato prima, l’abuso di prodotti per capelli eccessivamente aggressivi, come i coloranti o i decoloranti, può danneggiare il cuoio capelluto. Nel caso ad esempio delle tinture per capelli, è sempre meglio scegliere degli innocui – anche se poco pratici – coloranti naturali – come l’henné. Le colorazioni permanenti possono – oltre che arrecare danno alla propria cute – causare reazioni allergiche, pertanto è consigliato sempre testare il prodotto tramite applicazione cutanea, e verificare l’effetto dopo 48 ore. I coloranti temporanei, invece, quelli dall’effetto che svanisce con lo shampoo, non sono pericolosi per i propri capelli.

Ovviamente, anche i consigli della nonna vanno limitati. Chi usa l’acqua ossigenata per schiarire i capelli non dovrebbe ripetere l’operazione a breve distanza di tempo dalla precedente, perché il rischio è quello di rendere i capelli fragili e sottili, con tanto di doppie punte. Perché quindi rovinare le proprie vacanze con dei capelli poco in forma?