Avere il piede piatto è una condizione spesso più imbarazzante che effettivamente preoccupante, ma ci sono diverse varianti di questa conformazione e di conseguenza diversi trattamenti da considerare. Ancora le cause precise non sono chiare, c’è chi dice che derivi dal portare troppo i tacchi alti, abbastanza fantasiosa come ipotesi, che abbia origine genetica, o che venga dal portare le scarpe da bambini. Ma vediamo nel dettaglio problema e possibili cure.

Tutti i bambini hanno il piede piatto, l’arco sotto al piede infatti si forma con l’età, quando i tendini che uniscono le ossa del piede si rafforzano e si forma l’arco, all’incirca intorno ai 2 o 3 anni. Quando non si forma tutta la pianta rimane totalmente a contatto con il terreno dalla punta al tallone. Ma non bisogna pensare automaticamente a una malattia o un problema grave da risolvere.

Ci sono due tipi di piede piatto, quello flessibile e quello rigido. Per capire qual è il caso basta mettersi in punta di piedi. Se a quel punto si forma un arco, allora si tratta di un piede piatto flessibile, dove i tendini sono più allentati. In questo caso generalmente non si prova dolore, né affaticamenti dopo lo sport, e in questa condizione si può rimanere tutta la vita senza particolari problemi e senza aver bisogno di rivolgersi a specialisti. Anche se si può certamente cercare di rafforzare la muscolatura del piede per renderlo meno inclinato verso l’interno, ma raramente in modo significativo. Qualche esempio di esercizio per aumentare la muscolatura dei piedi: correre in punta di piedi, allargare le dita il più possibile e tenere la posizione per 10 secondi e ripetere 10 volte, camminare sulla sabbia, indicare e afferrare oggetti con i piedi.

Il piede piatto rigido, che non crea un arco in punta di piedi, è più complesso, e invece crea dolore. In questo caso la prima opzione da affrontare è quella di tentare con i plantari ortopedici, che obbligano il piede a formare un arco all’interno della scarpa. Per iniziare è meglio usare quelli morbidi, per non causare troppo stress a ossatura e muscolatura del piede, di conseguenza troppo dolore.

In ultima istanza ci si può rivolgere a soluzioni chirurgiche: farsi impiantare una piccola vite tra le ossa della caviglia, perché il piede non giri di lato e l’ossatura della gamba torni in posizione perfettamente dritta, e non inclinata di lato. Questa soluzione è adatta per i casi più gravi in cui il piede piatto sia causato da artrite o problemi di articolazioni. Evidentemente bisogna prima passare da una serie di esami e visite da uno specialista.

Fonti: NYTimes, NHS, MarksDailyApple.