L’igiene e del neonato è una delle cose più importanti e anche più difficili per le neo mamme. La paura di fargli del male o di non essere all’altezza di un compito così delicato a volte rischia di prendere il sopravvento. Ma in realtà solo l’esperienza riuscirà a rassicuravi. Dunque non desistete mai.

Una delle fasi più complesse è lo shampoo. In genere i bambini, soprattutto se molto piccoli, non sono mai inclini a stare fermi durante questa operazione. Per invogliarli sarà sufficiente presentare tutto come un gioco divertente da fare tra le braccia di mamma e papà.

Galleria di immagini: capelli e unghie

Alcuni bambini vengono al mondo già con una folta chioma. Un evento assai raro per la verità. Comunque a prescindere dalla quantità e consistenza dei capelli questi sono destinati a cadere nel giro di poche settimane per lasciar posto a quelli futuri e definitivi. Quindi all’inizio il bambino non avrà bisogno di cure particolari, basterà passargli sul cuoio capelluto un’asciugamano o una spugna. Delicatamente ma con energia senza aver paura di toccargli la testa.

I capelli andrebbero lavati almeno un paio di volte a settimana. Il primo passo è quello di avere tutto l’occorrente a portata di mano e cioè: due asciugamani morbidi e caldi, uno shampoo delicato e una ciotola di plastica per versare l’acqua sul capo del piccolo.

Una volta preparato il tutto bisognerà riempire una vaschetta di acqua calda (mai superiore si 30 gradi) stando ben attente a controllare la temperatura con il solito metodo del gomito o con un più professionale termometro. Dopo di che spogliate per metà il piccolo e avvolgetelo fino al collo con uno dei due asciugamani. Mettendolo di fronte inclinate leggermente la testa verso la vaschetta sostenendolo fra capo e collo con una mano, mentre con l’altra procederete a bagnargli la testa. Molti bambini piangono a contatto con l’acqua soprattutto per il fastidio provocato da qualche gocciolina che scivola sugli occhi o sul viso. Cercate di evitare il più possibile di bagnargli il viso.

Per i bimbi appena nati lo shampoo non è necessario, ma se voi preferite utilizzarlo, basterà usarne una quantità piccolissima e cominciare a massaggiare dalla parte posteriore del capo procedendo pian piano in avanti fino alla testa. Per togliere lo shampoo usate la mano bagnata oppure una piccola tazza. L’importante è evitare con cura che la schiuma finisca negli occhi rischiando di irritare il bambino.

Una volta finito tamponate la testa con l’altro asciugamano che avrete avuto cura di tenere al caldo e poi copritegli la testa con cura.

Uno dei problemi più frequenti che colpisce il cuoio capelluto dei neonati è quello della crosta lattea. Si tratta di un fenomeno non grave che di solito scompare in poche settimane, ma che può provocare un’irritazione al cuoio capelluto. Per eliminare l’effetto antiestetico e curare la dermatite basterà ammorbidire le croste con un olio emolliente, magari tenuto sul capo per tutta la notte per poi lavare e spazzolare (con una spazzola morbida) la testa del bambino il giorno seguente.

Un altro momento, a ragione, di grande apprensione è il taglio delle unghie dei piedi e delle mani. In genere i bambini durante questa operazione si dimenano e la paura è proprio quella di tagliargli. Innanzitutto è necessario sapere che le unghie dei bambini sono molto deboli e si sfaldano facilmente. Comunque è bene cercare di tenerle sempre corte per evitare che si faccia del male stropicciandosi gli occhi.

È necessario munirsi di forbicine con la punta arrotondata per evitare tagli. Cercare di seguire la curva naturale delle unghie senza tagliarle in profondità. Con decisione prendi il dito del bambino tra il pollice e l’indice tenendo fermo il resto con la mano. Se il bambino è particolarmente agitato provate a tagliargli le unghie mentre dorme. Sarà un buon compromesso.

Se all’inizio tutto può sembrare difficile e molto complesso non abbiate paura, pian piano diventerà un gesto del tutto naturale. L’importante sarà infondere sicurezza al vostro piccolo.