Quest’anno sul piccolo schermo si sono viste diverse cose interessanti, come vi abbiamo segnalato tra gli eventi TV degli ultimi 12 mesi, però se ne sono viste anche delle brutte. Se spesso come esempio principale del peggio televisivo vengono additati reality-show o fiction nostrane, in quest’annata che volge al termine gli orrori peggiori sono però arrivati dal mondo dell’informazione.

Ormai non è più un problema solo di conflitto di interessi che può portare alcuni telegiornali o organi di informazione verso una determinata parte politica piuttosto che un’altra. Il TG1 di Augusto Minzolini, che ormai ha messo la freccia di sorpasso persino sul TG4 di Emilio Fede, è arrivato addirittura a proporre un servizio, tanto per fare un esempio tra i molteplici, in cui le recenti immagini degli scioperi studenteschi venivano unite a quelle degli scontri tra terremotati e forze dell’ordine di quest’estate. Un semplice errore tecnico?

A questo punto non si tratta più solo di sostenere una determinata parte politica, il Governo o un particolare personaggio. La questione è che qui si falsifica la realtà per proporre una propria visione del mondo. Meno male che, oltre a personaggi del genere, ci sono Internet e persone che ancora credono nella libertà di informazione come Julian Assange. E negli ultimi mesi pure l’ottimo TG di La7 condotto da Enrico Mentana.

Altro malcostume che ha preso sempre più piede nel giornalismo, soprattutto televisivo, è la morbosità nei confronti dei fatti di cronaca. È vero, c’è stata anche in passato, ma il tragico caso dell’omicidio di Sarah Scazzi ad Avetrana ha davvero mostrato il volto peggiore dell’informazione e della spettacolarizzazione dei fatti di cronaca nera.

Passando ad argomenti più leggeri, tutto da ridere ma anche decisamente inquietante è lo spot girato da Manuela Arcuri per pubblicizzare “Il labirinto femminile“, il nuovo libro di Alfonso Luigi Marra, a suo modo un capolavoro del trash e già diventato un culto in rete.

Tra le protagoniste in negativo dell’annata anche Barbara D’Urso, trionfatrice dell’edizione annuale dei Teleratti in cui ha vinto, dopo il premio dipeggior personaggio femminile, il poco ambito titolo di peggior programma dell’anno con “Domenica 5”.

A voi invece cosa ha fatto più inorridire di quanto proposto dalla TV italiana negli ultimi mesi? Segnalatecelo tra i commenti.