Il salone del franchising di Milano si è chiuso con una serie di proposte dedicate all’imprenditoria femminile, con diverse idee anche su come lavorare da casa affiliandosi a un marchio ben noto in campo commerciale.

Quello che è stato ribattezzato “homechising” – neologismo formato dalle parole home e franchising – potrebbe essere la svolta per numerose imprenditrici donne che vogliono conciliare lavoro e famiglia senza trascurare uno o l’altro.

Leggi => Donne imprenditrici autonome e pronte al rischio

Nei padiglioni di Fieramilanocity, infatti, le donne potenzialmente interessate ad aprire un’attività in proprio sono rimaste colpite soprattutto dalle possibilità di operare nel settore bellezza e dai marchi in franchising per la depilazione femminile, come KillPill, Expertepil e Seta epilazione oltre a GarraRufa, azienda sorta a Milano che propone alle persone interessate di aprire centri estetici con questo tipo di contratto, che sembra molto gradito al pubblico femminile: se infatti oggi la presenza in rosa nelle imprese italiane è del 23,3% (anno 2010), nel settore del franchising aumenta fino al 28%. I settori in cui le donne sono più presenti sono quelli della gestione di negozi e di servizi.

I vantaggi? La gestione in proprio del lavoro, la flessibilità, la possibilità di investire poco denaro e di iniziare un’attività con un progetto imprenditoriale ben definito e collaudato. In fiera, inoltre, sono state presentate iniziative per l’apertura di asili nido o di servizi di babysitter, per la ricostruzione delle unghie, per la cosmesi o per l’apertura di un centro benessere o un centro di dimagrimento.

La Federazione Italiana Franchising e il Coordinamento Nazionale Imprenditoria Femminile di Confesercenti offrono assistenza alle donne che vogliono diventare imprenditrici nell’ambito del franchising.

Fonte: Salone Franchising Milano