Il vecchio adagio “due cuori e una capanna” è antiquato, superato, oggi non più concepibile.

Lo rivelano i dati: divorzi, separazioni e litigi che hanno come causa scatenante i soldi (o meglio, la mancanza di soldi)sono in aumento.

Secondo una recente indagine, la questione economica è diventata addirittura il secondo motivo di scontro dopo quello, classico, dei suoceri, e precede le divergenze di vedute legate all’educazione dei figli.

Tutto questo non può non far pensare. La crisi economica c’è, si vede, è tangibile, influenza le vite di tutti noi e cambia, nostro malgrado, le abitudini di sempre.

Ma perché non cercare di fare anche di questo periodo difficile un’occasione? Così come nel lavoro molti di noi sono stati costretti a rimboccarsi le maniche (lavorando di più i più fortunati, cercando e spesso “inventandosi” un nuovo impiego i meno fortunati) e così come nel quotidiano siamo stati costretti a stringere la cinghia (tagliando il superfluo e imparando a risparmiare), perché non adottare questa “austerity” anche nella vita di coppia?

Potrebbe essere, insomma, un buon pretesto per iniziare a fare cose diverse (e meno costose) con il nostro lui, e in questo modo portare una ventata di novità nella coppia (del resto sappiamo bene quanto male possa fare la routine al rapporto a due, no?)

Facile a dirsi, difficile a farsi, direte voi. Allora eccovi qualche esempio pratico.

Avete l’abitudine di andare a cena fuori durante il week-end? Cambiate schema: fate insieme una spesa “speciale” e preparate voi, in casa, la vostra cena.

Oltre a spendere meno, scegliere insieme il menu della serata sarà divertente, e cucinare insieme lo sarà ancora di più: oltre a scoprire cose nuove del partner, non sottovalutate il potere afrodisiaco del cibo

Se poi il vostro lui se la cava bene ai fornelli, potreste fare anche una gara di cucina, con tanto di premio per il vincitore (e non è affatto detto che il premio debba essere qualcosa di materiale).

Altra idea:invece di passare i pomeriggi al centro commerciale, osservando ciò che nelle vetrine non potete permettervi di acquistare, regalatevi piaceri a costo zero, come quello di una passeggiata in un parco, di un giro in bicicletta, di guardare un DVD in casa.

Insomma, se vogliamo evitare che la crisi economica si trasformi in una crisi di coppia, riscopriamo il piacere di stare bene con il nostro partner anche senza la necessità di accessori esterni e materiali. Magari ne guadagna anche il rapporto…