Daniel Radcliffe è alla prova con il suo primo ruolo da protagonista dopo la fine dell’amatissima saga di “Harry Potter”, appena lo scorso luglio. In questi giorni sta portando in giro per il mondo “The woman in Black”, un thriller paranormale che sta ricevendo recensioni freddine.

Daniel Radcliffe era alla première di “The woman in black” a New York lo scorso mercoledì, a Toronto giovedì sera, mentre la première globale è stata a Londra la settimana scorsa, tra l’altro in compagnia di un altro reduce dai 10 anni di “Harry Potter“, l’arci-nemico nel film, amico nella realtà, Tom Felton/Draco Malfoy.

Galleria di immagini: Daniel Radcliffe: The woman in black première

Nel nuovo thriller Daniel interpreta un avvocato che ha perso la moglie per parto, che lascia il figlio a una tata e si dirige verso una casa in mezzo alla campagna inglese dove è da poco morta una donna, che apparentemente continua a infestare la sua dimora. L’ex maghetto ha dichiarato di essersi spaventato già leggendo la sceneggiatura:

«È una storia avvincente e spaventosa. mi ha spaventato quando l’ho letta, cosa che ho preso come un buon indicatore del fatto che avrebbe spaventato la gente anche il film. E quando ho incontrato il regista James Watkins, sono stato ancora più emozionato di farne parte perché lui è questo regista intelligente, giovane ambizioso e affamato. Ed è sempre meraviglioso lavorarci.»

Il film è completamente centrato su Daniel, che non riesce a scrollarsi di dosso la figura del maghetto come fa con occhiali e cicatrice a forma di saetta. Ma dalle prime recensioni “The woman in black” non esce malissimo: puntando sull’old style, fatto di crepitii e apparizioni, suspence e tensione, più che su immagini splatter e sangue. Avremo modo di scoprirlo il prossimo 2 marzo, data di uscita italiana.

Fonte: DailyMail, Contactmusic