Daniela Ranaldi, la famosa opinionista del programma di Maria De Filippi “Uomini e Donne”, è balzata agli onori di cronaca la scorsa settimana, quando ha subito l’arresto per detenzione e spaccio di cocaina.

Dopo il processo per direttissima, i fan possono però tranquillizzarsi: Danielona, così come è conosciuta nel mondo della TV, è stata assolta dall’accusa di spaccio e, per questo, non dovrà scontare la propria pena in carcere.

Gli 11 grammi di cocaina ritrovati nella sua abitazione sono stati considerati per uso strettamente personale e, inoltre, si è scoperto come il bilancino di precisione fosse solamente un ricordo del padre malato, recentemente scomparso.

Danielona, così come confermato dal fratello, ha iniziato ad usare stupefacenti a causa di una seria depressione, conseguente proprio al decesso del padre. L’opinionista non aveva alcuna ragione di dedicarsi all’attività di spaccio perché, come riconosciuto dal giudice, conduceva una vita agiata provenendo da una famiglia benestante.

Data l’assoluzione, Daniela non dovrà pagare la multa di 3.000 euro e nemmeno scontare la pena detentiva di un anno, così come proposto dall’accusa. Incerto, però, il suo ritorno alla trasmissione pomeridiana di Canale 5 che, tra gli scandali escort sollevati da alcune troniste e problemi di droga degli opinionisti, rischia una nuova stagione tutt’altro che con i fiocchi.