Attualmente impegnato con il lancio di “127 Hours”, il nuovo film con James Franco che sta già riscuotendo forti consensi da parte della critica, il regista Danny Boyle ha parlato della possibilità di un seguito di “Trainspotting“, il film che ha lanciato la sua carriera e quella di una nuova generazione di attori britannici.

A proposito di un possibile sequel del film cult che l’ha consacrato nell’Olimpo dei grandi registi e inserito parte del cast tra le stelle di Hollywood, Boyle ha infatti dichiarato:

Penso proprio che succederà.

L’autore del libro originale Irvine Welsh ha pubblicato un seguito intitolato “Porno” nel 2002; fin da allora si rincorrono voci su una possibile trasposizione cinematografica, ma solo adesso Boyle ha confermato che la sua realizzazione potrebbe diventare realtà, possibilmente con buona parte del cast originale:

Li contatteremo di nuovo tutti in merito alla pellicola, ma dipenderà da dove si troveranno e in cosa saranno impegnati. Abbiamo un’idea forte e sarebbe una cosa meravigliosa riavvicinarsi, farla di nuovo, visto che i personaggi affrontano quasi una crisi di mezza età.

Sarebbe davvero bello rivedere tornare i protagonisti di Trainspotting tutti insieme: Ewan McGregor, Robert Carlyle, Kelly Macdonald, Jonny Lee Miller, Ewen Bremner e gli altri, diretti ancora una volta da quel Danny Boyle che nel frattempo con “The Millionaire” è diventato persino un regista da Oscar. Sebbene lo stesso Boyle ammetta di avere qualche dubbio:

“Porno” non è un libro grande come lo era “Trainspotting”, che era un genuino capolavoro. Ma ci stiamo lavorando su e c’è assolutamente del potenziale. E quando arriverà il momento giusto penso proprio che lo realizzeremo.