Il noto regista Darren Aronofsky, autore di “The Wrestler” e “Black Swan“, non dirigerà più “The Wolverine“, secondo spin-off della saga di “X-Men”.

La grande attesa che c’era per questo film, che vedeva il ritorno sul grande schermo dell’attore Hugh Jackman, adesso ha avuto una battuta d’arresto: dopo l’abbandono di Aronofsky, la Fox è alla ricerca di un nuovo regista e non si sa se questo significherà anche un cambiamento di sceneggiatura.

Galleria di immagini: Wolverine

Il regista ha spiegato così il suo abbandono:

“Più parlavo del film con i miei collaboratori alla Fox, più ci rendevamo conto che la produzione mi avrebbe tenuto lontano dagli Stati Uniti per quasi un anno. Non mi sentivo a mio agio all’idea di stare così lontano dalla mia famiglia per così tanto tempo. Mi dispiace molto di non poter vedere crescere il progetto, perché ha una sceneggiatura splendida e non vedevo l’ora di lavorare ancora assieme al mio caro amico Hugh Jackman“.

In un primo momento e secondo le prime dichiarazioni ufficiali, l’abbandono sembrava potesse essere imputabile al forzato allontanamento per lungo tempo del regista dagli Stati Uniti. Sicuramente questo è un periodo molto delicato per lui, perché è coinvolto in tribunale a combattere per la custodia dei figli dopo la recente separazione dall’attrice Rachel Weisz. Inoltre, a causa degli ultimi tragici avvenimenti accaduti in Giappone, l’inizio delle riprese potrebbero avere dei ritardi o degli allungamenti non previsti.

La scelta del regista, in realtà, è stata dettata da ben altre motivazioni. Secondo Cinema Blend, infatti, la Fox non voleva lasciare il pieno controllo della pellicola al regista, mentre questi aveva una propria personale visione del progetto. Non sopportando interferenze esterne, Arofonosky ha preferito lasciare.

Le riprese del film sarebbero dovute iniziare la prossima estate tra New York e il Giappone.