Internet ha rivoluzionato tutto, a iniziare dai rapporti personali e dai rapporti di coppia. Per non parlare del corteggiamento e delle relazioni d’amore, che soprattutto fra i più giovani sono pesantemente condizionati dall’online dating, ossia da quella consuetudine per cui fidanzate, fidanzati, amici o semplici flirt non si incontrano più alle feste o alle cene ma sulla Rete.

Sui portali di online dating, infatti, è sufficiente registrarsi, compilare il proprio profilo sia dal punto di vista estetico (colore di occhi e di capelli, altezza, peso) sia da quello caratteriale, dove invece si privilegiano le descrizioni sui gusti musicali o sulle preferenze in fatto di viaggi, di politica o di cucina. Una volta scritto di sé, può iniziare una sorta di corteggiamento virtuale che può anche portare a una relazione d’amore e alla formazione di una coppia.

=> Scopri gli uomini da evitare nei siti di online dating

Cosa cercano invece coloro che si collegano a questi portali per trovare l’anima gemella? La prima cosa che emerge è che gli utenti sono molto generici quando descrivono sé stessi ma molto precisi quando cercano un partner.

La cosa più richiesta è il colore degli occhi. È una cosa incredibile a pensare ma è così, almeno negli Stati Uniti dove è stata fatta una ricerca a hoc per vedere l’approccio degli utenti verso questi portali. Spesso la selezione riguarda anche il colore dei capelli o il tipo di pelle, come se un uomo moro, con gli occhi azzurri e la pelle chiara potesse essere il partner perfetto più di uno biondo, chiaro di carnagione e gli occhi scuri.

=> Scopri l’etichetta dell’online dating

Un altro punto ricercato da uomini e donne iscritti su questi portali è il tipo di corporatura. E qui iniziano i primi problemi: definire gli occhi azzurri o marroni è facile. Ma quando si legge “corporatura atletica” o “dimensioni del seno sopra la media” è meglio prepararsi a ogni tipo di persona. Già, perché atletico può essere riferito a diversi tipi di sport, può voler dire “né grasso né magro” oppure significare “come quei culturisti pieni di ormoni più adatti al circo che a una cena romantica a due”.

=> Scopri come spopola l’online dating delle infedeli

C’è poi un terzo punto chiave: il conto in banca, elemento che sembra fondamentale. La cosa curiosa è che se l’informazione con l’ammontare del proprio guadagno non si dà nemmeno ai propri amici più stretti, perché si dovrebbe darlo online a sconosciuti? Senza contare che magari tra questi c’è un ispettore del fisco con il redditometro in mano pronto a fare le pulci al proprio 740.

Che fare, quindi? I ricercatori americani – oltre che il buon senso – suggeriscono di ricorrere ai vecchi sistemi per conoscere l’anima gemella, sperando sempre che non sia un agente tributario sotto mentite spoglie.

Fonte: Your Tango