Le decorazioni per l’albero di Natale sono tra i fondamenti del fascino di queste feste tradizionali, sono i simboli del calore, dell’armonia e dei sentimenti, proprio come lo sono gli elementi del presepe, i doni o gli usi e costumi che si tramandano di generazione in generazione.

Nonostante negli ultimi anni si siano diffusi alberi di tipo non convenzionale, dall’ispirazione contemporanea, innovativa, oppure alberi destrutturati appesi a parete, ogni albero di Natale che si rispetti deve avere delle decorazioni a cui non si può rinunciare.

Ecco, dunque, le 5 irrinunciabili tra le decorazioni per l’albero di Natale.

  1. Luci. Le luci elettriche, decorazioni impalpabili ma che anche da sole sono in grado di creare un’atmosfera unica, non posso mancare sull’albero di Natale. In commercio ce ne sono davvero per tutte le esigente: bianche, rosse, blu, multicolor, con alternatori che creano diversi giochi di luci e con carillon integrati che coordinano luci e melodia.
  2. Palline dipinte a mano. Le palline colorate e di dipinte a mano sono irrinunciabili perché rappresentano pienamente la tradizione, l’artigianato, la raffinatezza e la semplicità al tempo stesso. Le palline, in passato in vetro e oggi sempre più diffuse in plastica, posso avere decorazioni semplici come linee, rombi, figure geometriche, o rappresentare vari soggetti.
  3. Nastri filanti. I nastri filanti, che siano argentati, dorati, rossi, blu o dei mille colori ormai disponibili oggi sul mercato, hanno una doppia funzione: moltiplicano le luci elettriche che si specchiano all’infinito nei fili e fanno risplendere ancor di più l’albero, e riempiono tutti quei buchi che si vengono a creare inevitabilmente tra una decorazione e l’altra.
  4. Figure tradizionali. Oltre alle classiche palline rotonde, qua e là nell’albero non possono mancare le figure tradizionali del Natale, particolarmente amate dai bambini: soldatini di piombo, pupazzi di neve, stelle cadenti, Babbi Natale, orsacchiotti, cuori e chi più ne ha più ne metta.
  5. Puntale. Si mette alla fine, in punta come dice il nome stesso, e serve a coronare tutta la composizione dell’albero di Natale: non c’è albero senza puntale, che va dunque scelto attentamente, in tinta con le altre decorazioni, se possibile brillante e armonioso.